Lourdes: meta di pellegrinaggio e non solo

Lourdes, cittadina del sud-ovest della Francia ai piedi dei Pirenei, rappresenta una delle mete di pellegrinaggio cattolico tra le più importanti al mondo. Ogni anno milioni di visitatori la raggiungono per far visita al Santuario di Nostra Signora di Lourdes, un immenso edificio che sorge in cima a una rocca sopra la Grotta di Massabielle. Tale grotta è diventata celeberrima in quanto, secondo la tradizione, si crede che in quel luogo nel 1858 la Vergine Maria sia apparsa a Santa Bernadette indicandole una sorgente da dove bere acqua benedetta.

Leggi anche:

Lourdes: tutte le attrazioni da non perdersi

Lourdes è il sito di pellegrinaggio più visitato del mondo cristiano ma, oltre ai luoghi più famosi come il Santuario e la Grotta di Massabielle, offre altre attrazioni molto belle da visitare. Ecco tutto quello che c’è da non perdersi:

  • Chateau-Fort de Lourdes: si tratta di una fortezza impenetrabile che un tempo aveva un ruolo militare difensivo; è collegata alla cittadina tramite un ascensore ed offre una vista spettacolare delle sette vallate del Lavedan, negli Alti Pirenei; il sito ospita anche un giardino botanico e il Museo dei Pirenei;
  • Circo di Gavarnie: è un circo naturale di tipo glaciale che fa parte dei Patrimoni dell’Unesco; il sito è circondato da splendide cime e al centro si possono ammirare le cascate di Gavarnie la maggiore delle quali è la più alta d’Europa;
  • Bagnères-de-Bigorre: si tratta di un sito di acque termali situato ad una ventina di chilometri da Lourdes; le acque benefiche sgorgano dal Monte Olivet e furono scoperte dai Romani sotto l’imperatore Augusto;
  • Maison Paternelle de St. Bernadette: è la casa abitata dai genitori di Bernadette dopo le visioni; la dimora è ancora gestita dai discendenti della santa e al suo interno è possibile ammirare oggetti appartenuti alla famiglia Soubirous;
  • Mercato coperto di Lourdes: si tratta di un mercato aperto tutti i giorni d’estate; al suo interno è possibile acquistare ottimi prodotti gastronomici tipici della zona tra cui formaggio alpino, prosciutto, marmellate e altre specialità locali;
  • Scala Santa: è una scalinata che riproduce perfettamente la scala santa che conduce al pretorio di Ponzio Pilato a Gerusalemme; da tradizione i pellegrini la salgono in ginocchio.