Scienze della difesa e della sicurezza: informazioni generali

In questa guida potrai vedere in maggiore dettaglio tutte le informazioni riguardanti il corso di Laurea in Scienze della difesa e della sicurezza. Se sei sicuro della scelta, leggi l’articolo, altrimenti consulta la nostra sezione di Orientamento Universitario.

Corso di Laurea: Scienze della difesa e della sicurezza
Tipo di Laurea: Triennale (3 + 2)
Codice: DS
Principali materie trattate: Scienze politologiche e strategiche, Sociologia dei fenomeni politici, Sociologia giuridica e delle devianze, Diritto pubblico, Psicologia generale, Economia politica, Lingua straniera, Criminologia, Diritto penale ecc.
Eventuali test d’ammissione: Previsto test d’ammissione
Città che offrono questi corsi: Modena-Reggio Emilia, Torino, Enna

Leggi anche:

 Scienze della difesa e della sicurezza: obiettivi del corso di laurea

I laureati sono professionisti, militari o civili, dotati della preparazione culturale (umanistica, socio-politologica, scientifica e tecnologica) e dell’addestramento teorico-pratico adeguati per operare con incarichi di comando, di gestione e di coordinamento (amministrativo, logistico e tecnico-operativo) in uno o più dei seguenti settori:

  •  delle unità terrestri, marittime, navali ed aeree (nazionali e internazionali);
  •  della sicurezza interna ed esterna;
  •  della tutela del territorio nazionale e dei suoi beni materiali e immateriali;
  •  della tutela degli interessi strategici ed economico finanziari dello stato italiano e dell’Unione Europea;
  •  della gestione e direzione di sistemi organizzativi-funzionali, anche di carattere non specificatamente militare.

Leggi anche:

 Scienze della difesa e della sicurezza: sbocchi professionali

I laureati militari della classe appartengono alle categoria degli ufficiali dell’Esercito Italiano, della Marina Militare, dell’Aeronautica Militare, dell’Arma dei Carabinieri e del Corpo della Guardia di Finanza.

Esercito Italiano:

i laureati svolgono, nel rispetto delle attribuzioni e delle competenze proprie degli ufficiali, la loro attività professionale presso le
unità operative dell’Arma stessa. In particolare, i laureati svolgono funzioni di comando e di direzione connesse all’organizzazione, preparazione e gestione di personale, di mezzi e di materiali specifici, anche di alta valenza tecnica, e alle procedure di carattere logistico-amministrativo per il funzionamento delle strutture militari. La loro attività è svolta in molteplici contesti addestrativi e operativi, relativi anche a missioni inserite nel quadro generale delle operazioni di supporto alla pace e a interventi di tutela delle popolazioni, del territorio e dei beni individuali e collettivi nel caso di calamità naturali.

Marina Militare: 

i laureati svolgono, nel rispetto delle attribuzioni e delle competenze proprie degli ufficiali, la loro attività professionale a bordo
di unità navali, aeree e subacquee e in seno a strutture operativo-funzionali dell’Arma stessa. In particolare, svolgono funzioni di comando e di direzione, per un’efficace e sicura gestione in mare, di personale e di mezzi navali nonché di sofisticati sistemi d’arma e strumenti di bordo. La loro attività è svolta in molteplici contesti addestrativi e operativi, relativi anche a missioni inserite nel quadro generale delle operazioni di supporto alla pace e a interventi di tutela delle popolazioni, del territorio e dei beni individuali e collettivi nel caso di calamità naturali.

Aeronautica Militare:

i laureati svolgono, nel rispetto delle attribuzioni e delle competenze proprie degli ufficiali, la loro attività, nelle unità ed enti operativi, logistici ed addestrativi dell’Arma stessa. In particolare, svolgono funzioni di comando e gestione di personale, di conduzione di aeromobili nonché di utilizzo di sofisticati sistemi d’arma. Svolgono, altresì, funzioni di esperti per problematiche organizzativo-gestionali e tecnico-logistiche nell’area dell’aviazione generale e per l’efficace e sicura gestione dello spazio aereo. La loro attività è svolta in molteplici contesti addestrativi e operativi, relativi anche a missioni inserite nel quadro generale delle operazioni di supporto alla pace e a interventi di tutela delle popolazioni, del territorio e dei beni individuali e collettivi nel caso di calamità naturali.

Arma dei Carabinieri:

i laureati svolgono, nel rispetto delle attribuzioni e delle competenze proprie degli ufficiali, la loro attività in seno alle unità organiche della struttura operativo-funzionale dell’Arma stessa. In particolare, svolgono funzioni di comando e di direzione di personale e di gestione di mezzi e materiali per la prevenzione e la repressione di manifestazioni criminose sia in territorio nazionale che in contesti operativi internazionali. Attraverso l’utilizzo di tecniche di sicurezza orientate svolgono anche attività di tutela di beni materiali e immateriali dello stato e del territorio nazionale. La loro attività è svolta in molteplici contesti addestrativi e operativi, relativi anche a missioni inserite nel quadro generale delle operazioni di supporto alla pace e a interventi di tutela delle popolazioni, del territorio e dei beni individuali e collettivi nel caso di calamità naturali.

Corpo della Guardia di Finanza:

i laureati svolgono, nel rispetto delle attribuzioni e delle competenze proprie degli ufficiali, la loro attività in seno
alle unità organiche delle strutture operative-funzionali del Corpo stesso. In particolare, svolgono funzioni di comando e di direzione di personale e di gestione di mezzi e di materiali per la prevenzione e la repressione di manifestazioni illecite afferenti alla tutela degli interessi economico-finanziari dello stato nazionale e dell’Unione Europea. La loro attività è svolta in molteplici contesti addestrativi e operativi anche a garantire il rispetto di provvedimenti adottati dalle organizzazioni internazionali cui aderisce l’Italia, a tutela della sicurezza internazionale, nonché relativi anche a missioni inserite nel quadro generale delle operazioni di supporto alla pace e a interventi di tutela delle popolazioni, del territorio e dei beni individuali e collettivi nel caso di calamità naturali.