Semper ego auditor tantum? numquamne reponam
uexatus totiens rauci Theseide Cordi?
inpune ergo mihi

recitauerit ille togatas,
hic elegos? inpune diem consumpserit ingens
Telephus aut summi plena iam margine libri

5
scriptus et in tergo necdum finitus Orestes?
nota magis nulli domus est sua quam mihi lucus
Martis et Aeoliis

uicinum rupibus antrum
Vulcani; quid agant uenti, quas torqueat umbras
Aeacus, unde alius furtiuae deuehat aurum

10
pelliculae, quantas iaculetur Monychus ornos,
Frontonis platani conuolsaque marmora clamant
semper et adsiduo

ruptae lectore columnae.
expectes eadem a summo minimoque poeta.
et nos ergo manum ferulae subduximus, et nos

15
consilium dedimus Sullae, priuatus ut altum
dormiret. stulta est clementia, cum tot ubique
uatibus occurras,

periturae parcere chartae.
cur tamen hoc potius libeat decurrere campo,
per quem magnus equos Auruncae flexit alumnus,

20
si uacat ac placidi rationem admittitis, edam.
cum tener uxorem ducat spado, Meuia Tuscum
figat aprum et

nuda teneat uenabula mamma,
patricios omnis opibus cum prouocet unus
quo tondente grauis iuueni mihi barba sonabat,

25
cum pars Niliacae plebis, cum uerna Canopi
Crispinus Tyrias umero reuocante lacernas
uentilet aestiuum

digitis sudantibus aurum
nec sufferre queat maioris pondera gemmae,
difficile est saturam non scribere. nam quis iniquae

30
tam patiens urbis, tam ferreus, ut teneat se,
causidici noua cum ueniat lectica Mathonis
plena ipso,

post hunc magni delator amici
et cito rapturus de nobilitate comesa
quod superest, quem Massa timet, quem munere

35
palpat Carus et a trepido Thymele summissa Latino;
cum te summoueant qui testamenta merentur
noctibus, in

caelum quos euehit optima summi
nunc uia processus, uetulae uesica beatae?
unciolam Proculeius habet, sed Gillo deuncem,

40
partes quisque suas ad mensuram inguinis heres.
accipiat sane mercedem sanguinis et sic
palleat ut

nudis pressit qui calcibus anguem
aut Lugudunensem rhetor dicturus ad aram.
quid referam quanta siccum iecur ardeat ira,

45
cum populum gregibus comitum premit hic spoliator
pupilli prostantis et hic damnatus inani
iudicio?

quid enim saluis infamia nummis?
exul ab octaua Marius bibit et fruitur dis
iratis, at tu uictrix, prouincia, ploras.

50
haec ego non credam Venusina digna lucerna?
haec ego non agitem? sed quid magis? Heracleas
aut Diomedeas

aut mugitum labyrinthi
et mare percussum puero fabrumque uolantem,
cum leno accipiat moechi bona, si capiendi

55
ius nullum uxori, doctus spectare lacunar,
doctus et ad calicem uigilanti stertere naso;
cum fas esse putet curam

sperare cohortis
qui bona donauit praesepibus et caret omni
maiorum censu, dum peruolat axe citato 60

Flaminiam puer Automedon? nam lora tenebat
ipse, lacernatae cum se iactaret amicae.
nonne libet medio ceras inplere

capaces
quadriuio, cum iam sexta ceruice feratur
hinc atque inde patens ac nuda paene cathedra 65
et

multum referens de Maecenate supino
signator falsi, qui se lautum atque beatum
exiguis tabulis et gemma fecerit uda?

occurrit matrona potens, quae molle Calenum
porrectura uiro miscet sitiente rubetam 70
instituitque

rudes melior Lucusta propinquas
per famam et populum nigros efferre maritos.
aude aliquid breuibus Gyaris et carcere

dignum,
si uis esse aliquid. probitas laudatur et alget;
criminibus debent hortos, praetoria, mensas, 75

argentum uetus et stantem extrapocula caprum.
quem patitur dormire nurus corruptor auarae,
quem sponsae turpes et

praetextatus adulter?
si natura negat, facit indignatio uersum
qualemcumque potest, quales ego uel Cluuienus.

80
ex quo Deucalion nimbis tollentibus aequor
nauigio montem ascendit sortesque poposcit
paulatimque anima caluerunt

mollia saxa
et maribus nudas ostendit Pyrrha puellas,
quidquid agunt homines, uotum, timor, ira, uoluptas,

85
gaudia, discursus, nostri farrago libelli est.
et quando uberior uitiorum copia? quando
maior auaritiae patuit

sinus? alea quando
hos animos? neque enim loculis comitantibus itur
ad casum tabulae, posita sed luditur arca.

90
proelia quanta illic dispensatore uidebis
armigero! simplexne furor sestertia centum
perdere et horrenti tunicam

non reddere seruo?
quis totidem erexit uillas, quis fercula septem
secreto cenauit auus? nunc sportula primo

95
limine parua sedet turbae rapienda togatae.
ille tamen faciem prius inspicit et trepidat ne
suppositus uenias ac

falso nomine poscas:
agnitus accipies. iubet a praecone uocari
ipsos Troiugenas, nam uexant limen et ipsi

100
nobiscum. ‘da praetori, da deinde tribuno.’
sed libertinus prior est. ‘prior’ inquit ‘ego

adsum.
cur timeam dubitemue locum defendere, quamuis
natus ad Euphraten, molles quod in aure fenestrae
arguerint,

licet ipse negem? sed quinque tabernae 105
quadringenta parant. quid confert purpura maior
optandum, si

Laurenti custodit in agro
conductas Coruinus ouis, ego possideo plus
Pallante et Licinis?’ expectent ergo

tribuni,
uincant diuitiae, sacro ne cedat honori 110
nuper in hanc urbem pedibus qui uenerat

albis,
quandoquidem inter nos sanctissima diuitiarum
maiestas, etsi funesta Pecunia templo
nondum habitat, nullas

nummorum ereximus aras,
ut colitur Pax atque Fides, Victoria, Virtus 115
quaeque salutato crepitat

Concordia nido.
sed cum summus honor finito conputet anno,
sportula quid referat, quantum rationibus addat,
quid

facient comites quibus hinc toga, calceus hinc est
et panis fumusque domi? densissima centum 120
quadrantes

lectica petit, sequiturque maritum
languida uel praegnas et circumducitur uxor.
hic petit absenti nota iam callidus

arte
ostendens uacuam et clausam pro coniuge sellam.
‘Galla mea est’ inquit, ‘citius dimitte. moraris?

125
profer, Galla, caput. noli uexare, quiescet.’
ipse dies pulchro distinguitur ordine rerum:
sportula, deinde

forum iurisque peritus Apollo
atque triumphales, inter quas ausus habere
nescio quis titulos Aegyptius atque Arabarches,

130
cuius ad effigiem non tantum meiiere fas est.
uestibulis abeunt ueteres lassique clientes
uotaque

deponunt, quamquam longissima cenae
spes homini; caulis miseris atque ignis emendus.
optima siluarum interea pelagique

uorabit 135
rex horum uacuisque toris tantum ipse iacebit.
nam de tot pulchris et latis orbibus et

tam
antiquis una comedunt patrimonia mensa.
nullus iam parasitus erit. sed quis ferat istas
luxuriae sordes? quanta

est gula quae sibi totos 140
ponit apros, animal propter conuiuia natum!
poena tamen praesens, cum tu

deponis amictus
turgidus et crudum pauonem in balnea portas.
hinc subitae mortes atque intestata senectus.
it noua nec

tristis per cunctas fabula cenas; 145
ducitur iratis plaudendum funus amicis.
nil erit ulterius quod

nostris moribus addat
posteritas, eadem facient cupientque minores,
omne in praecipiti uitium stetit. utere

uelis,
totos pande sinus. dices hic forsitan ‘unde 150
ingenium par materiae? unde illa

priorum
scribendi quodcumque animo flagrante liberet
simplicitas? “cuius non audeo dicere nomen?
quid refert dictis

ignoscat Mucius an non?”
pone Tigillinum, taeda lucebis in illa 155
qua stantes ardent qui fixo gutture

fumant,
et latum media sulcum deducit harena.’
qui dedit ergo tribus patruis aconita, uehatur
pensilibus plumis

atque illinc despiciat nos?
‘cum ueniet contra, digito compesce labellum: 160
accusator erit qui uerbum

dixerit “hic est.”
securus licet Aenean Rutulumque ferocem
committas, nulli grauis est percussus Achilles
aut multum

quaesitus Hylas urnamque secutus:
ense uelut stricto quotiens Lucilius ardens 165
infremuit, rubet auditor

cui frigida mens est
criminibus, tacita sudant praecordia culpa.
inde ira et lacrimae. tecum prius ergo uoluta
haec

animo ante tubas: galeatum sero duelli
paenitet.’ experiar quid concedatur in illos 170
quorum Flaminia

tegitur cinis atque Latina.

Traduzione

Succube sempre starò io ad

ascoltare?
Vessato a non finire
dalla Teseide di quel Cordo ottuso,
mai ne otterrò vendetta?

Chiunque potrà leggermi commedie o elegie
senza correre rischi?
Consumeranno i miei giorni un Tèlefo

smisurato
o un Oreste, che deborda sul recto
e sul verso dai margini del libro
e non finisce

mai,
senza subirne pena?
Nessuno, com’io conosco il bosco di Marte
o l’antro di Vulcano vicino

alle rupi Eolie,
conosce la sua casa.
Il travaglio dei venti,
le ombre torturate da Èaco,

il luogo dove non so chi
ha sottratto il vello dorato,
gli immensi frassini che scaglia Mònico:
di

tutto questo rimbombano notte e giorno
i platani e i marmi trafitti di Frontone,
le colonne lesionate da

continue letture:
poeta sommo o scribacchino,
sempre è la stessa solfa.
Eppure anch’io ho

sottratto la mano allo scudiscio
e consigliato Silla
di dormirsene in pace da privato.
È stupida

clemenza,
in questo brulicare di poeti,
graziare carte condannate al macero.
Ma perché abbia scelto

di lanciarmi nel campo,
dove il grande figlio di Aurunca
costrinse i suoi cavalli,
se avete tempo e

pazienza d’udire
le mie ragioni, lo dirò.
Quando un languido eunuco prende moglie
e Mevia a seno

nudo impugna un ferro
per sventrare cinghiali di Toscana,
quando in lusso sfida tutti i patrizi
uno,

che in gioventú col suo rasoio
strappava lai alla mia barba dura,
quando una canaglia del Nilo,
sí,

Crispino, lo schiavo di Canopo,
si drappeggia alle spalle un mantello di porpora,
agitando al vento con le

dita sudate
un anellino estivo,
come se non potesse sopportare
il peso di una gemma piú vistosa,

è difficile non scrivere satire.
Ma chi può sopportare una città
cosí perversa?
Bisognerebbe

essere di ferro
per trattenersi, quando davanti ti passa
Matone, l’avvocato,
stravaccato nella

lettiga nuova,
con quel delatore degli amici piú cari
che lo segue, pronto ad arraffare i brandelli

di una nobiltà dissoluta
(e se Massa lo teme, Caro lo blandisce,
Latino gli prostituisce pavido Timele).

O ancora quando t’impone di farti in là
gente che si guadagna i testamenti
ogni notte, gente che la

via piú sicura
oggi a far fortuna, la vulva
d’una vecchia danarosa, porta alle stelle.
Va una

miseria a Proculeio, a Gillo il resto:
ognuno eredita la parte sua
secondo l’entità del cazzo.
E

che riscuota il prezzo del suo sangue è giusto,
sino a ridursi livido,
come chi calpesta un serpente a piedi

nudi
o un retore che s’accinga a parlare
dall’ara di Lione.
Come dar voce all’ira,

che mi rode d’arsura il fegato,
quando vedo un predone
che, costretto il pupillo al marciapiede,

schiaccia la gente con la masnada dei suoi,
o un altro condannato a vuoto in tribunale?
Cosa è mai

l’infamia, se il denaro è al sicuro?
In esilio Mario si ubriaca già di buonora,
fottendosene dell’ira

divina,
e tu, provincia, che pure l’hai vinto, ti disperi.
E non è degno questo dei lumi di Orazio?

Non dovrebbe spronarmi?
E che altro? Una Eracleide, una Diomedea,
i muggiti del Labirinto
o il

mare in cui precipita il fanciullo,
il fabbro che si libra in volo,
mentre qui un ruffiano, bravissimo a

guardare altrove,
a fingere di russare col naso nel bicchiere,
si prende i beni dell’amante,
se

la moglie non ha diritto a eredità?
mentre qui v’è chi stima lecito
aspirare a un comando militare

dopo aver sperperato il patrimonio in scuderie
ed essere rimasto senza un soldo
(scorrazzava per la

Flaminia
a rotta di collo su un cocchio
come un giovane Automedonte,
reggendo lui stesso le

briglie
per farsi bello con l’amica in abiti maschili).
E non fa venir voglia,
magari per la

strada,
di riempire tavolette su tavolette
un falsario che s’è arricchito a iosa
con qualche

postilla e un sigillo inumidito
ed ora si fa trasportare su sei spalle
agli occhi di tutti in una lettiga

aperta
con tutta l’aria di un Mecenate indolente?
E chi lo segue? una dama impettita
che al

marito assetato
propina nettare di Cales
mescolato con veleno di rospo
e alle sue parenti

inesperte
insegna, meglio di Locusta,
come seppellire le spoglie grigie dei mariti
tra le

chiacchiere della gente.
Se vuoi essere qualcuno devi rischiare
tanto da meritarti
il confino nella

piccola Giaro
o la galera.
L’onestà vien lodata, ma muore di freddo.
Ai delitti si devono i

giardini,
i palazzi, i banchetti, gli argenti d’antiquariato
e le coppe a rilievi di caproni.

Come si può dormire
tra seduttori di nuore venali,
tra promesse spose cosí sfrenate
e amanti

adolescenti?
L’indignazione farà poesia,
se manca il genio,
come può, come posso farla io

o qualsiasi Cluvieno.
Tutto ciò che travaglia gli uomini,
sin dal tempo in cui Deucalione,
tra gli

scrosci che gonfiavano il mare,
con la nave raggiunse in cima il monte
a chiedere il proprio destino

e a poco a poco il soffio della vita
sciolse al suo calore le pietre
e ai maschi Pirra offrí vergini

ignude,
tutto ciò, desideri, collera e terrori,
piaceri, gioie e affanni,
tutto si mescola nel mio

libretto.
Fu mai piú prolifico il vizio?
Quando di piú la sete di denaro
protese le sue mani?

Quando mai fascino uguale vi fu nel gioco?
Nelle bische non si va piú con una borsa,
come posta ci si gioca

la cassaforte.
Che scontri memorabili vedrai
alla distribuzione delle armi!
Semplice pazzia o che

altro mai
è perdere centomila sesterzi
e negare una tunica
al servo che trema di freddo?

Dei nostri antichi
chi s’è mai costruito tante ville,
chi cenava in privato con sette portate?

Ora sulla soglia di casa
misero è il sussidio e se lo contende
una folla di gente in toga.
Ma il

patrono prima ti scruta bene in faccia
per timore che tu venga al posto di un altro
e lo richieda sotto falso

nome.
Se ti riconosce, l’avrai.
Anche dei discendenti dei troiani
pretende che il banditore

faccia l’appello,
perché anche loro sulla soglia
fanno ressa con noi.
‘Prima al pretore, poi

tocca al tribuno.’
Ma si fa avanti un liberto: ‘Io sono il primo,
io’, dice. ‘Sono nato, è vero,

sull’Eufrate
e i fori che come una donna ho nelle orecchie,
anche se lo negassi,
mi tradirebbero.

Ma non ho dubbi
o timore di difendere il mio posto:
le mie cinque botteghe rendono abbastanza
per un

censo da cavaliere.
Che vantaggi ti dà la porpora,
se Corvino nella campagna di Laurento
porta al

pascolo pecore non sue
ed io possiedo piú di Pallante, piú dei Licini?’.
Arretrino i tribuni,
la

precedenza è alla ricchezza:
chi è giunto a Roma appena ieri,
con i piedi segnati dalla schiavitú,

nemmeno alle cariche sacre
deve cedere il passo,
perché fra noi piú sacra d’ogni cosa
è la maestà

del denaro,
anche se questa ricchezza funesta
non ha un tempio per venerarla
come l’hanno Pace,

Fede e Vittoria,
Virtú e Concordia, i cui nidi risuonano
di gorgheggi al ritorno degli uccelli,
e al

denaro non abbiamo eretto un altare.
Ma se a fine dell’anno
anche i piú alti magistrati
fanno il

conto di quel che rende,
arrotondando il loro bilancio, la sportula,
che faranno i clienti che da quella

traggono toga, scarpe, pane
e il fuoco per la casa?
Un fiume di lettighe
limosina quei cento

soldi
e, per seguirlo nel suo giro,
dietro al marito, malata o incinta che sia,
viene la moglie.

Ormai rotto ad ogni espediente,
v’è chi mendica anche per la moglie assente,
esibendo in suo

luogo
una lettiga vuota e chiusa:
‘Svelto, c’è la mia Galla’, dice,
‘avanti, sbrigami,

che aspetti?
Fuori la testa, Galla! No,
non disturbarla, dorme’.
Del resto la giornata è divisa

in bell’ordine:
prima la questua, poi il foro
con la statua di Apollo, luce del diritto,
e i

busti dei trionfatori,
fra i quali ha osato, non so a quale titolo,
mettere anche il suo un doganiere

egiziano
(ma ai suoi piedi si può pisciare o far di peggio).
Sfiniti e ormai senza speranza,

malgrado quella di cenare
nell’uomo sia la piú tenace,
i vecchi clienti abbandonano le soglie
per

mettere insieme due cavoli e la legna.
Come un re intanto il patrono
ingozzerà quanto di meglio
si

trova nei boschi e nel mare,
sdraiato tutto solo nel triclinio vuoto.
È di una razza, che su tavole

belle, spaziose e antiche
si mangia in solitudine
interi patrimoni.
Niente scrocconi. Ma nulla è piú

sordido
di questi eccessi. Che gola ha costui
se, una selvaggina adatta ai conviti,
imbandisce solo

per sé cinghiali interi?
Ma il castigo t’incalza,
quando, spogliati i panni, tutto gonfio
porti

con te in bagno un pavone
che t’è rimasto sullo stomaco.
E fulminea verrà la morte,
senza

permetterti in vecchiaia di testare.
Di cena in cena, fra le risa,
correrà la notizia
e al tuo

trasporto funebre
gli amici per la rabbia applaudiranno.
Di peggio niente è possibile che l’umanità

aggiunga in futuro ai nostri costumi:
chi ci seguirà, scimmiottandoci,
vorrà le stesse cose,

perché il vizio ha toccato il fondo.
Sciogli le vele, distendile al vento!
Mi dirai: ‘C’è materia,

sí,
ma dov’è il genio? E la naturalezza
che, infiammando l’animo loro,
avevano gli antichi

nel dire qualunque cosa volessero?’.
Credi che non osi far nomi?
Che m’importa se Muzio approva o

no
quel che dico? ‘Sí, prendi Tigellino:
una torcia in fiamme, questo sarai,
come chi brucia

crocefisso
alzando fumo dal petto trafitto,
e in mezzo all’arena lascerai il tuo solco inciso.’

Cosí chi ha propinato a tre zii un veleno
può farsi scarrozzare sulle piume
e guardarci dall’alto in

basso?
‘Se lo incontri, premiti il dito sulle labbra;
basta che tu dica: è lui, e finisci incriminato.

Vuoi vivere tranquillo?
fai duellare Enea col sanguinario Turno;
ricorda: la morte di Achille
o

la ricerca affannosa di Ila
scomparso insieme all’anfora,
no, non fanno male a nessuno.
Ma ogni

volta che Lucilio, la spada in pugno,
freme di sdegno, chi l’ascolta,
con la mente stretta dai propri

crimini,
si fa di fuoco
e il cuore trasuda colpe segrete.
Odio e lacrime alla fine. Pensaci bene

prima di dar fiato alle trombe:
con l’elmo in testa non si evita il duello.’
Rimane un

tentativo:
vedere se posso almeno dire qualcosa
contro quelli che son sepolti
lungo la Flaminia o la

via Latina.