Concorsi scuola primaria: cosa sapere

Siamo convinti che tra voi lettori si nasconda qualcuno interessato ai concorsi nella scuola primaria che si terranno a breve e di cui è stato pubblicato, da poco, il bando in Gazzetta Ufficiale. Quello che approfondiamo oggi è, quindi, il concorso nella scuola primaria che prende questo nome da una delle ultime riforme; prima veniva denominata scuola elementare. Si tratta di anni particolari di crescita dei bambini in cui vanno seguiti attentamente, non solo a livello scolastico, ma anche personale. E’ necessario mettere le basi, sin da quando sono piccoli, per far crescere futuri uomini e donne maturi e responsabili. Andiamo dunque a scoprire tutte le novità e le regole del 2020.

Leggi anche: Concorsi scuola: i requisiti minimi per partecipare

Concorsi scuola primaria: i requisiti di accesso

Il concorso è su base regionale, pertanto gli Uffici Scolastici Regionali saranno responsabili dello svolgimento delle procedure concorsuali e dell’approvazione delle graduatorie di merito. Per alcune procedure concorsuali sono previste aggregazioni territoriali, vale a dire che uno stesso USR sarà responsabile dell’intera procedura concorsuale e dell’approvazione della graduatoria sia per la propria regione che per le altre regioni aggregate. Per ricoprire i posti comuni è necessario essere in possesso di:

  • laurea in Scienze della formazione primaria oppure
  • diploma magistrale  con  valore  di  abilitazione  e  diploma sperimentale a indirizzo linguistico, conseguiti presso gli  istituti magistrali, o analogo titolo di abilitazione conseguito all’estero  e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente,  conseguiti, comunque, entro l’anno scolastico 2001/2002.
  • analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto dal Miur.

Per i posti di sostegno è necessario essere in possesso, oltre ad uno dei titoli suddetti, del titolo di specializzazione sul sostegno conseguito ai sensi della normativa vigente o di analogo titolo di specializzazione conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente.

Concorsi scuola primaria: le prove

Ecco come potrebbero essere suddivise le prove:

  • prova preselettiva su computer, da svolgere in 50 minuti, costituita da 50 quesiti a risposta multipla con quattro opzioni di risposta, di cui una sola corretta;
    • per i posti comuni, 2 domande a risposta aperta su tematiche disciplinari, culturali e professionali;
    • per i posti di sostegno, 2 domande a risposta aperta sulle metodologie didattiche da applicarsi alle diverse tipologie di disabilità;
    • per i posti comuni e di sostegno, un quesito, composto da 8 domande a risposta chiusa, di verifica della conoscenza della lingua inglese a livello corrispondente almeno a quello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue (QCER);
  • prova scritta, della durata di 180 minutidistinta per posti comuni e di sostegno,
  •  prova orale, della durata massima complessiva di 30 minutidistinta per posti comuni e di sostegno, comprensiva della valutazione della conoscenza della lingua inglese almeno al livello B2 del QCER.

Non perderti: