Sono giorni intensi per quanto riguarda il mondo della scuola. Da oggi, 27 aprile, infatti, sarà possibile effettuare e inoltrare anche le domande per l’inserimento/aggiornamento delle graduatorie permanenti provinciali ATA 24 mesi, prima fascia.

Per l’anno scolastico 2022/23, si attingerà proprio a queste graduatorie per le supplenze e i ruoli del personale amministrativo, tecnico e ausiliario degli istituti e delle scuole di istruzione primaria e secondaria, delle istituzioni educative e degli istituti e scuole speciali statali.

Graduatorie ATA 24 mesi: dal 27 aprile al 18 maggio è possibile effettuare le domande

Il requisito fondamentale per poter avere accesso alle graduatorie di prima fascia è poter contare su 24 mesi, precisamente 23 mesi e 16 giorni, di servizio, anche non continuativi. I segmenti di mese vengono assommati e si calcolano considerando un mese ogni trenta giorni, mentre l’eventuale segmento rimanente superiore a 15 giorni viene preso in considerazione come un mese intero.

Ecco, nel dettaglio, l’elenco completo dei requisiti necessari:

  • a) essere in servizio in qualità di personale ATA a tempo determinato nella scuola statale nella stessa provincia e nello stesso profilo professionale per il quale si concorre;
  • b) il personale che, eventualmente, non presti servizio al momento della domanda nella stessa provincia e nello stesso profilo professionale cui concorre, non perde la qualifica di “personale ATA a tempo determinato della scuola statale”, come sopra precisato, qualora sia inserito nella graduatoria provinciale a esaurimento della stessa provincia e dello stesso profilo (per il profilo di CS) e negli elenchi provinciali per le supplenze (per i profili di AA – AT – CR – CO – GA – IF);
  • c) il personale che non sia nelle condizioni specificate alla precedente lettera a), né nelle condizioni di cui alla precedente lettera b) conserva, ai fini del bando in questione, la qualifica di “personale ATA a tempo determinato della scuola statale” qualora sia inserito nella terza fascia delle graduatorie di circolo o di istituto per il conferimento delle supplenze temporanee della stessa provincia e dello stesso profilo cui si concorre (AA – AT – CR – CO – GA – IF – CS).Apertura graduatorie ATA

Come indicato nella nota 13671 del 5 aprile, le domande di ammissione dovranno essere inoltrate esclusivamente in modalità telematica, tramite il servizio “Istanze on Line (POLIS)”, a cui si accede dall’home page del sito internet del Ministero (www.miur.gov.it), sezione “Argomenti e Servizi”, tramite il percorso “Servizi > Servizi online >lettera I > Istanze on line”.

Le domande potranno essere caricate su “Istanze On Line” a partire dalle ore 8.00 del giorno 27 aprile 2022, fino alle ore 23.59 del giorno 18 maggio 2022.

Personale ATA: i profili professionali e i titoli di accesso richiesti dal bando

I profili professionali e i relativi titoli necessari per l’accesso sono riportati di seguito:

1 – Diploma di maturità .

B ) – Assistente Tecnico :
1 – Diploma di maturità corrispondente alla specifica area professionale .
La specificità di cui al punto 1 è quella definita, limitatamente ai diplomi di maturità, dalla tabella di corrispondenza titoli – laboratori vigente alla data del decreto di indizione del concorso.

C ) – Cuoco :
1 – Diploma di qualifica professionale di Operatore dei servizi di ristorazione, settore cucina.

D ) – Infermiere :
1 – Laurea in scienze infermieristiche o altro titolo ritenuto valido dalla vigente normativa per l’esercizio della professione di infermiere.

E ) – Guardarobiere :
1 – Diploma di qualifica professionale di Operatore della moda.

F ) – Addetto alle aziende agrarie :
– Diploma di qualifica professionale di :
1- operatore agrituristico;
2- operatore agro industriale;
3- operatore agro ambientale.

G ) – Collaboratore Scolastico :
1 – diploma di qualifica triennale rilasciato da un istituto professionale;
2 – diploma di maestro d’arte;
3-diploma di scuola magistrale per l’infanzia;
4 – qualsiasi diploma di maturità;
5 – attestati e/o diplomi di qualifica professionale, entrambi di durata triennale, rilasciati o riconosciuti dalle Regioni.