Trovare lavoro in Italia: il divario tra nord e sud

Uno dei problemi maggiori che attanaglia oggi i giovani, che siano diplomati o laureati, è sicuramente quello inerente alla ricerca del lavoro. In Italia è un’impresa ardua trovare un impiego stabile soprattutto in questo delicato momento storico dove la domanda è altissima rispetto all’offerta. Inutile sottolineare che per quanto riguarda il contesto lavorativo il divario tra nord e sud rimane molto marcato e importante. Se, quindi, si ha intenzione di continuare a vivere in Italia il primo consiglio è quello di puntare sulle regioni settentrionali, in primis Lombardia, Piemonte e Veneto.

Leggi anche:

Trovare lavoro in Italia: le città con più offerte

Se non volete trasferirvi all’estero ma avete come obiettivo quello di trovare un impiego stabile e redditizio in Italia, è consigliabile effettuare una ricerca nelle regioni settentrionali in quanto in quella zona l’offerta di lavoro è molto più alta e ampia. Ecco la classifica delle città migliori per quanto riguarda l’offerta lavorativa:

  • Milano
  • Trento
  • Bologna
  • Aosta
  • Roma
  • Genova
  • Trieste
  • Venezia
  • Torino
  • Firenze

Trovare lavoro in Italia: le città con gli stipendi più alti

Oltre a tener conto della quantità di offerte, è importante anche scegliere una città che garantisca delle opportunità lavorative redditizie. Anche in questo caso il divario tra nord e sud è evidente in quanto, secondo delle ricerche statistiche specifiche, nelle città settentrionali gli stipendi sono nettamente superiori. Ecco la classifica delle città italiane con retribuzioni medie più alte:

  • Bolzano: 1476 euro mensili;
  • Varese: 1471 euro mensili;
  • Monza e Brianza: 1.456 euro mensili;
  • Como: 1.449 euro mensili;
  • Verbano Cusio Ossola: 1.434 euro mensili;
  • Bologna: 1.424 euro mensili;
  • Lodi: 1.423 euro mensili.

In questa classifica la prima città italiana con stipendi medi maggiori che non si trova al nord è L’Aquila con 1282 euro mensili, mentre l’ultima in classifica è Ascoli Piceno con soli 551 euro mensili.