Referendum: cosa sapere

Tra qualche giorno saremo chiamati a votare per il referendum costituzionale confermativo sul taglio dei parlamentari. Sicuramente ne avrete sentito parlare in lungo e in largo e vi sarete fatti una vostra idea su come spendere il vostro voto; noi, in attesa che arrivino il 20 e il 21 settembre, vogliamo rispondere a delle domande specifiche: cos’è il referendum? Come funziona? Si tratta di informazioni utili che tutti dovremmo conoscere per poter essere dei cittadini informati e pronti a prenderci le nostre responsabilità.

Non perdere: Quorum referendum: quando è necessario

Referendum: che cos’è

Per avere le idee ancora più chiare su cosa andremo a votare il 20 e il 21 settembre, vogliamo soffermarci su cosa sia il referendum andandone a leggere la definizione. Con il referendum si può richiedere ad un corpo elettorale il consenso o dissenso rispetto a una decisione riguardante singole questioni; si tratta dunque di uno strumento di democrazia diretta, che consente agli elettori di pronunciarsi senza nessun intermediario su un tema specifico oggetto di discussione. I requisiti, la disciplina e le caratteristiche sono disciplinati nei vari ordinamenti giuridici. Il referendum è uno strumento di esercizio della sovranità popolare, sancita all’art. 1 della Costituzione della Repubblica Italiana. L’esito referendario, accertato con Decreto del Presidente della Repubblica, costituisce, secondo la dottrina prevalente, una fonte del diritto primaria che vincola i legislatori al rispetto della volontà del popolo, il quale può decidere sì o no su una sola questione.

Referendum: come funziona

Il referendum consiste in una domanda con la quale si chiede all’elettore se è favorevole o contrario all’abrogazione di una determinata legge. Alla domanda si deve rispondere con un Sì o con un No. Si tratta di un istituto giuridico con cui si chiede all’elettorato di esprimersi con un voto diretto su particolari proposte, con la possibilità in genere di scegliere – tra due o più opzioni predefinite (ad esempio: sì/no, repubblica/monarchia, rimanere/lasciare).

Non perdere: