Rientro a scuola 2020: le scuole misureranno la temperatura?

Quest’anno il rientro a scuola avrà un sapore diverso, particolare. Dovranno essere rispettate le linee guida introdotte dal governo che mirano a mantenere le norme di sicurezza per ridurre al massimo il contagio da Coronavirus. I docenti, il personale della scuola e studenti saranno sottoposti a periodici test sierologici e screening; viene disposta la reintroduzione obbligatoria della figura del medico scolastico, che sarà chiamato a intervenire in caso di emergenza. Studenti e personale scolastico sono invitati a restare a casa in caso di febbre a partire da 37,5, ma anche in caso di raffreddore. In alcune regioni la temperatura verrà misurata a scuola.

Rientro a scuola: in Campania test sierologico o tampone obbligatorio

Per garantire il rientro a scuola in sicurezza alcune regioni, in autonomia, hanno preso delle decisioni considerando che, a causa delle lezioni del 20 e 21, alcune scuole ripartiranno il 24 settembre. Il presidente della regione Campania, Vincenzo del Luca, ha firmato l’ordinanza per rendere obbligatorio il tampone o il test sierologico per tutti i docenti e il personale ATA.

Rientro a scuola 2020: le decisioni del Piemonte

In Piemonte il Presidente della regione ha firmato un’ordinanza che obbliga le scuole a misurare la temperatura degli studenti prima dell’ingresso a scuola. Nel caso in cui l’istituto non potesse garantire la rilevazione della temperatura, dovrà prevedere a una verifica alternativa (anche attraverso un’autocertificazione che indichi che la temperatura è stata misurata dalla famiglia).

Non perdere: