Triangolo delle Bermuda: che cos’è e dove si trova

A livello geografico con Triangolo delle Bermuda ci riferiamo ad una zona dell’Oceano Atlantico settentrionale chiamata così perché ha la forma di un triangolo. I vertici dell’area sono disposti in questo modo:

  • vertice Nord: il punto più meridionale dell’isola principale dell’arcipelago delle Bermuda;
  • vertice Sud: il punto più orientale dell’isola di Porto Rico;
  • vertice Ovest: il punto più a Sud della penisola della Florida.

L’ampia zona di mare, grande circa 1.100.000 km quadrati, è diventata drammaticamente famosa negli anni Cinquanta a causa delle numerose sparizioni di navi e aerei avvenute su quella superficie dal 1800 in poi.

Triangolo delle Bermuda: la leggenda e le spiegazioni scientifiche

Al Triangolo delle Bermuda, soprannominato anche “Triangolo maledetto” o “Triangolo del Diavolo”, sono state attribuite una lunga serie di sparizioni di navi e aerei. La sua fama negativa si è acuita con la pubblicazione nel 1974 del libro “Bermuda, il triangolo maledetto” di Charles Berlitz: nel testo l’autore asserisce che i fenomeni misteriosi della zona sono collegati al mondo del paranormale e agli UFO. Successivamente vari ufologi hanno confermato tale tesi: gli alieni considererebbero l’area del Triangolo delle Bermuda come loro territorio di volo, essendo una zona da loro frequentata da secoli, e quindi non tollererebbero la presenza di nessuno. A smentire il mito nefasto delle Bermuda sono stati, invece, numerosi studi scientifici secondo i quali il numero di sparizioni e incidenti è insignificante se paragonato al traffico molto intenso nell’area. La scienza ha, inoltre, confermato che la grande maggioranza delle scomparse è ricollegabile ad avverse condizioni metereologiche, alla debolezza strutturale delle navi e ai ritardi nei soccorsi.

Leggi anche:

Triangolo delle Bermuda: le sparizioni

Le presunte sparizioni di aerei e navi avvenute nell’area del Triangolo delle Bermuda sono le seguenti:

Aerei

  • 5 Grumman TBF Avenger della Marina degli Stati Uniti, partiti da Fort Lauderdale con 14 persone di equipaggio, scomparsi il 5 dicembre 1945;
  • Avro 688 Tudor con 31 persone fra equipaggio e passeggeri, scomparso il 29 gennaio 1948;
  • Douglas DC-3, partito da San Juan e diretto a Miami, con 32 persone fra equipaggio e passeggeri; scomparso il 28 dicembre 1948;
  • Avro Tudor, partito da Londra e diretto a Santiago del Cile, scomparso il 17 gennaio 1949.

Navi

  • USS Grampus, partita da St. Augustine e presumibilmente affondata nel 1843;
  • Mari Celeste, un violatore di blocco affondato nel 1864;
  • Ellen Austin, sorta di relitto dato per scomparso nel 1881 con la ciurma;
  • USS Cyclops (AC-4), nave da rifornimento della Marina degli Stati Uniti, in rotta da Barbados a Norfolk con un equipaggio di 309 persone, scomparsa il 4 marzo 1918;
  • Carroll A. Deering, trovata abbandonata nel 1921;
  • SS Cotopaxi, scomparsa sulla rotta fra Charleston e L’Avana, nel 1925.