Attacco Hacker al Miur: conseguenze e rischi

E’ fresca la notizia secondo cui il MIUR sarebbe stato vittima di un attacco Hacker, e ci si chiede se questo possa provocare l’annullamento degli esami di maturità 2018. E’ un fatto molto grave quello accaduto, in quanto questo hacker sarebbe entrato in possesso di 26.600 dati personali del personale scolastico, sarebbero rimasti coinvolti insegnanti, referenti e dirigenti scolastici. L’hacker di cui vi stiamo parlando ha un nome, ed è Anonymous un movimento di attivisti, che ha sferrato un duro attacco al MIUR da cui ne deriverebbe il rischio di annullare gli esami di maturità. Per darvi la massima chiarezza sull’accaduto, vi riportiamo il contenuto di questo attacco e cerchiamo di capire se gli esami siano davvero a rischio.

Leggi anche:

Attacco Hacker al Miur: il messaggio di Anonymous

Il MIUR è stato vittima di un attacco Hacker, Anonymous un movimento di attivisti, che è riuscito ad entrare in possesso di 26.600 dati personali del personale scolastico, tra cui sono rimasti coinvolti insegnanti, referenti e dirigenti scolastici. Dopo aver lanciato l’attacco al MIUR, il movimento di attivisti Anonymous, ha diffuso i dettagli del suo messaggio su Twitter:”Salve popolo, siamo qui oggi per comunicarvi con grande gioia, che circa 26.600 dati personali (email, password, cellulari, indirizzi) di maestre, insegnanti, referenti e dirigenti di molte scuole italiane sono entrate in nostro possesso!” Non hanno tralasciato niente al caso, infatti in allegato al twit, hanno provveduto ad allegare un messaggio in cui spiegano il motivo dell’attacco, scopriamolo.

Attacco Hacker al Miur: le motivazioni di Anonymous

Dopo aver lanciato l’attacco al MIUR, il movimento di attivisti Anonymous, ha diffuso i dettagli del suo messaggio su Twitter:”Salve popolo, siamo qui oggi per comunicarvi con grande gioia, che circa 26.600 dati personali (email, password, cellulari, indirizzi) di maestre, insegnanti, referenti e dirigenti di molte scuole italiane sono entrate in nostro possesso!“Non si sono limitati al semplice messaggio, ma in allegato al twit hanno allegato un messaggio in cui spiegano il motivo dell’attacco. Dietro quest’azione ci sarebbe il loro disappunto nei confronti dell’alternanza scuola-lavoro, contro cui si è organizzato uno sciopero il 13 ottobre 2017, in cui gli studenti hanno manifestato contro le modalità del progetto. In particolare, Anonymous, sostiene che questo progetto sull’alternanza scuola-lavoro sia inutile e che serva solo per approfittarsi dei giovani di oggi. E gli esami di maturità, sono davvero a rischio?

Attacco Hacker al Miur: gli esami di maturità sono a rischio?

Dopo avervi svelato le modalità dell’attacco, le parole diffuse su twitter, e le motivazioni che hanno spinto Anonymous a impossessarsi di 26,600 dati personali del personale educativo, prendendo di mira 52 database per un totale di 6.800 mail di insegnanti e altre 13.000 private ma collegate alla scuola, ci teniamo a rassicurare tutti sull’impossibilità che gli esami di maturità vengano messi a rischio; lo scopo di Anonymous è unicamente quello di denunciare le modalità e le condizioni dell’alternanza scuola-lavoro. Un’ ultima precisazione che ci teniamo a darvi riguarda la risposta del MIUR, riguardo le mail rubate, il quale ha dichiarato che tali mail non appartengano al dominio @istruzione.it.