Euphoria di Greta Menchi: uscita

Dallo scorso 10 gennaio è disponibile in radio e in digitale “Euphoria“, il nuovo singolo di Greta Menchi per Sony Music Italia. Nell’anno appena concluso la Menchi ha scelto di fare della sua più grande passione, ovvero il canto, il centro della sua carriera, e dopo il successo del singolo d’esordio dal titolo “Fuori di me” e di “Tinta“, diventati di successo su TikTok, ha deciso di far uscire un altro brano. Ecco tutto quello che c’è da sapere!

Euphoria di Greta Menchi: testo e significato

Euphoria di Greta Menchi: significato

Con questa canzone, prodotta da Boss Doms, l’ex youtuber di successo racconta la solitudine in cui ci si nasconde con il proprio dolore, tra le mura della propria camera, perché il mondo all’esterno fa più paura. Consapevole che la forza per superare un periodo difficile la si può trovare solo in se stessi.

Leggi anche:

Euphoria di Greta Menchi: testo

Apro la bocca e mi tuffo nel vuoto
Chiudo gli occhi e vedo dietro un vetro
Questa giornata non mi da uno scopo
Vorrei una pillola del giorno dopo
Ma pure se un figlio non lo voglio, penso
Che starebbe comodo qui nel mio vuoto dentro
Ah! che fortuna! sono come Armstrong
Da sola come Armstrong sulla luna

Uscire dal mio corpo adesso
Ti prego bloccami, stammi addosso
A peso morto
Lo apprezzo molto

E questa notte è cattiva
Perché mi porta a domattina
No, non ho più saliva
Ma ho due trecce da bambina
Perché lo sai cosa c’è dentro una sostanza?
Un S.O.S ed una stanza
Vieni, stammi vicino
In questa notte cattiva, i-i-i-va

Chiudo la porta e mi tuffo nel mondo
Sul soffitto volano dei condor
Questa camera è un inferno, ma io
Nell’inferno sto da Dio
Ho mille pensieri in testa ogni secondo
Che si scontrano tra loro come le autoscontro
Che fortuna! corro come Armstrong
Da sola come Armstrong sulla luna

Vorrei fluttuare nello spazio
Uscire dal mio corpo adesso
Ti prego bloccami, stammi addosso
A peso morto
Lo apprezzo molto

E questa notte è cattiva
Perché mi porta a domattina
No, non ho più saliva
Ma ho due trecce da bambina
Perché lo sai cosa c’è dentro una sostanza?
Un S.O.S ed una stanza
Vieni, stammi vicino
In questa notte cattiva, i-i-i-va

Adesso provo a dormire un po’
Perché ogni volta al risveglio
Va un po’ un meglio
Va sempre un po’ meglio.

E questa notte è cattiva
Perché mi porta a domattina
No, no, non ho più saliva
Ma ho due trecce da bambina
Perché lo sai cosa c’è dentro una sostanza?
Un S.O.S ed una stanza
Vieni, stammi vicino
In questa notte cattiva, i-i-i-va