Il doodle di Google di oggi, 2 dicembre, celebra Georges Seurat. Per onorarlo, il colosso ha deciso di dedicare all’artista, nel giorno del suo 162° compleanno, un Doodle animato che mette in mostra la tecnica del puntinismo: il logo di Google stesso viene mostrato mentre, punto per punto si trasforma in A Sunday Afternoon on the Island of La Grande Jatte. Questo è considerato il suo grande capolavoro dipinto una domenica pomeriggio, appunto sull’isola di La Grande Jatte. Il quadro ritrae i parigini che godono di un bel paesaggio rurale in un un parco.

Leggi: Le Ninfee di Monet: tecnica e iconografia dei dipinti

Chi era George Seurat

Georges Pierre Seurat nacque a Parigi il 2 dicembre 1859 e iniziò le lezioni d’arte da adolescente prima di iscriversi alla prestigiosa accademia di belle arti École des Beaux-Arts nel 1878. Il ragazzo iniziò disegnando sculture e copiando i vecchi maestri, ma presto l’approccio accademico convenzionale lo stancò e lo spinse a lasciare la scuola per proseguire i suoi studi da solo. Fu particolarmente influenzato dagli impressionisti Claude Monet e Camille Pissarro e dal modo in cui tali artisti riuscivano a rappresentare la luce e l’atmosfera nei loro dipinti. Morì a soli 32 anni di meningite. Tra le sue opere di rilievo Parade de cirque o anche A Bathing in Asnières.

Il divisionismo

Durante la sua vita iniziò a studiare la teoria del colore, la percezione e il potere psicologico della linea e della forma. Fondatore del puntinismo, Seurat decise di non mescolare i colori sulla tavolozza ma di tracciare distinti tratti di colore puntiformi che si fondono in un’immagine se vista da lontano. Il suo stile ha dato origine al movimento del neo-impressionismo, movimento che cambiò per sempre il mondo dell’arte. Chiamato anche “divisionismo”, consiste in un movimento di giustapposizione di macchie di colore puro direttamente su una tela. Una corrente che mescola arte e teorie scientifiche tese a ingannare il cervello.

Il doodle di Georges Seurat

Google celebra il pittore attraverso un Doodle utilizzando i codici del movimento di cui l’artista è stato il pioniere. Possiamo distinguere i famosi puntini rotondi di colore, che formano le lettere del logo del famoso motore di ricerca.