Agronomo: tutto su questa figura professionale

Tra di voi ci sarà sicuramente qualche lettore con la passione per la natura, per i prodotti che essa ci regala e per tutto quello che ne consegue. E’ per voi tutti che oggi vogliamo guardare, dal profondo e nel dettaglio, la figura professionale dell’agronomo e scoprire cosa fa, qual è il percorso formativo da intraprendere e a quanto ammonta lo stipendio. Visti gli ultimi sviluppi nel campo del biologico, si può pensare, erroneamente, che questa sia una professione nuova; tutt’altro, pare infatti che già dal 1700 abbia fatto la sua comparsa all’interno della società. La figura dell’agronomo opera non solo a livello rurale, ma anche e soprattutto a livello urbano, ma non perdiamo altro tempo, vediamo passo passo tutto ciò che riguarda questa professione.

Lavoro di agronomo: cosa fa

Il lavoro dell’agronomo è molto ampio, si occupa della consulenza per le aziende attive nel settore dell’agroalimentare, osserva le coltivazioni o gli allevamenti e propone delle soluzioni che siano utili alla produzione e, soprattutto, che siano eco sostenibili e rispettino l’ambiente. Svolge consulenza anche sul piano amministrativo e contabile interagendo con aziende agricole e con i privati spiegando come usufruire dei finanziamenti erogati dallo Stato, come svolgere tutte le pratiche amministrative e come adeguarsi alle normative in merito alla coltivazione e all’allevamento di animali. Consiglia e sviluppa l’utilizzo di specifiche tecniche di coltivazione, che possono essere applicate all’agricoltura, alla floricoltura, all’orticoltura; tutela le coltivazioni e le piante dai parassiti, dai batteri e dagli agenti patogeni che potrebbero danneggiarle o distruggerle e, ovviamente, lo fa nel rispetto della natura e dell’ambiente.

Come diventare agronomo: il percorso formativo

Il percorso per diventare agronomo inizia presto e nella passione per la natura, per poi continuare e concludersi con degli studi universitari più approfonditi. Dopo le scuole medie, di solito, dalla scelta della scuola superiore da frequentare si iniziano a mettere le basi per costruire ciò che si vuole diventare in futuro, chi vuole diventare agronomo può iniziare frequentando un istituto professionale specializzato in zootecnica e agraria. Si prosegue con l’università, i corsi più adatti sono quelli incentrati sulla chimica, sull’agraria e sulla zootecnica e le materie che caratterizzano il formarsi di questa figura sono la biochimica, la botanica, il diritto agrario e anche l’economia agroalimentare. Esiste anche un Albo Professionale dei Dottori Agronomi e Forestali che si divide in due sezioni, A e B.

Lavorare come agronomo: a quanto ammonta lo stipendio

Il lavoro dell’agronomo è in grado di dare enormi soddisfazioni dal punto di vista lavorativo, un po’ meno sul lato economico e di guadagno. Infatti, chi lavora nel pubblico come agronomo può avere dei guadagni mensili che vanno dalle 700 alle 1000 euro; mentre chi lavora nel privato con importanti aziende può guadagnare dai 1500 alle 3000 euro. Per finire, se si lavora a livello internazionale, lo stipendio può salire fino a 8000 euro.

Leggi anche: Come diventare apicoltore: corsi e guadagno