Se stai per affrontare il tuo primo colloquio di lavoro probabilmente ti sentirai in ansia. E’ normale quando si ha a che fare con una situazione che non si è mai vissuta. Se non hai mai avuto esperienza con un’intervista lavorativa, sappi che nell’ambito degli incontri di questo tipo tendono a circolare delle domande pressoché identiche. Sei curioso di conoscere le 10 più diffuse? Potrebbe risultarti utile per sapere cosa ti aspetta per arrivare un po’ meno impreparato a quella che potrebbe essere la tua grande occasione. Ed allora, prendi nota ed inizia a pensare a come ribatterai alle domande più frequenti fatte durante i colloqui di lavoro, ma ricordati che non esistono domande e risposte giuste per un colloquio, non c’è una bacchetta magica a riguardo.

Colloquio di lavoro: le domande più frequenti

Alcune di quelle che trovi sotto potrebbero sembrarti dei cliché, altre delle domande strane, ma fidati se ti diciamo che sono molto più probabili di quanto pensi.

  1. Parlaci di te
  2. Perché vorresti (fare) questo lavoro?
  3. Perché dovremmo assumerti?
  4. Qual è il tuo maggiore pregio (lavorativo)?
  5. Qual è la tua più grande debolezza (lavorativa)?
  6. Perché vuoi lasciare (o hai lasciato) il tuo lavoro?
  7. Quale compenso ti aspetti?
  8. Come gestisci lo stress e la pressione?
  9. Come/dove ti vedi tra 10 anni?
  10. Quali sono le tue aspirazioni professionali?

Domande da fare durante il colloquio di lavoro

Alla fine dell’intervista il tuo interlocutore potrebbe terminare il colloquio chiedendo a te di porgli delle domande. In questo caso abbi una piccola raccolta alla quale attingere da integrare, ovviamente, agli eventuali dubbi o quesiti che vorresti porre circa la posizione lavorativa alla quale ambisci. La curiosità, mai come in questo caso, sarà ben valutata da chi ti sta esaminando in quanto segnale di interesse. Anzi, prendila come se fosse la tua opportunità per distinguerti dalla massa e fare colpo. Difatti, in base alle domande che porrai, potresti mostrare di avere una grande conoscenza non solo dell’azienda, ma anche della filosofia che ne sta alla base.

Leggi anche: