Morire a soli 16 anni, nel pieno della giovinezza e con tutta la vita davanti, con sogni nel cassetto e ancora tante soddisfazioni da conquistare. Questo è quello che è successo a Samantha Renon, studentessa residente nel Trevigiano che, per una tragica fatalità, è stata coinvolta in un incidente automobilistico che non le ha lasciato scampo. Se ne è andata così, lo scorso aprile, proprio durante le vacanze di Pasqua. Lasciando nello sconforto più assoluto i compagni di classe ed i professori, oltre che la sua famiglia, naturalmente. Ma, proprio in sede di Consiglio, i suoi docenti hanno deciso di ammetterla al quarto anno. E di confermare anche la borsa di studio alla quale aveva diritto.

Promossa Samantha, morta in un incidente stradale

Siamo all’Istituto Tecnico “Sansovino” di Oderzo. Qui il tempo sembra essersi fermato per molti a quelle che dovevano essere delle spensierate vacanze di Pasqua, e che da ora in poi, probabilmente, saranno ricordate solo con dispiacere. Già, perché è proprio durante queste che la giovane Samantha ha perso la vita. Dicendo addio a tutta una serie di esperienze tipiche della sua età. Non ultima la fine dell’anno scolastico, quella tanto attesa dagli studenti non solo per dare inizio alle vacanze, ma anche per scoprire la propria sorte scolastica e le relative valutazioni. In ambito di consiglio dei docenti, i professori di Samantha hanno deciso non solo di promuoverla, ma anche di darle il massimo dei voti. Per onorare la memoria della ragazza, una decisione presa all’unanimità.

Samantha promossa a pieni voti

L’incidente che ha posto fine alla sua breve vita è avvenuto proprio il primo giorno delle vacanze di Pasqua 2022. La ragazza, in sella alla sua moto, stava dirigendosi verso il fidanzato. Ma a bloccarla è stata un’auto, che le ha tagliato la strada facendola finire a terra. A nulla è valso chiamare i soccorsi, la ragazza è morta prima del loro arrivo. E’ una di quelle notizie che non si vorrebbero mai sentire, eppure a Oderzo, sede dell’istituto presso il quale la 16enne frequentava il corso “Relazioni Internazionali per il marketing”, si è subiti diffusa tra i cittadini. I professori, per omaggiare il ricordo della ragazza, hanno deciso di promuoverla con la media del 9. Non senza fondamento, tuttavia, ma sulla base delle verifiche e dei compiti in classe precedentemente svolti dalla studentessa. La quale avrebbe meritato in ogni caso la promozione. E così è stato.

Leggi anche: