Erasmus post laurea: quello che dovete sapere

L‘Erasmus è un progetto dell’Unione Europea che permette agli studenti iscritti alle università europee di studiare in università di altri Paesi compresi nell’UE o a essa associati per un periodo che va dai 3 ai 12 mesi. Questa possibilità è data agli studenti delle lauree triennali e magistrali, ai laureandi che devono conseguire un tirocinio e a chi, già laureato, vuole effettuare all’estero il dottorato. Prima della partenza allo studente deve essere garantito il pieno riconoscimento del periodo di studio svolto all’estero e una borsa di mobilità mensile che ha un importo diverso a seconda del costo della vita del paese straniero prescelto.

Non perderti: Erasmus: dove andare? La classifica delle mete

Erasmus post laurea: dove trovare i bandi per i corsi

Per poter fare domanda per partire con il progetto dell’Erasmus dovete innanzitutto accertarvi che abbiate tutte le carte in regola per poterlo fare. I posti sono limitati, per cui verranno selezionati principalmente i ragazzi con una media alta e con un buon numero di esami sostenuti. Occorre inoltre avere competenze linguistiche sufficienti del paese ospitante e non essere beneficiari di un’altra borsa di studio finanziata dall’Unione Europea. Inoltre, ricordate che le borse di studio sono rivolte solo ai cittadini dell’Unione Europea e ai residenti in Norvegia, Islanda, Liechtenstein e Turchia. Se siete interessati ad un corso in particolare potete collegarvi al sito e cercare tutte le info a riguardo.

Erasmus post laurea: studi e tirocini

Erasmus+ sostiene i tirocini, esperienza lavorativa, apprendistato, all’estero per gli studenti iscritti a un corso di laurea triennale e magistrale e per i dottorandi nei paesi partecipanti al programma. Anche i neolaureati possono accedere a queste opportunità. Il tirocinio all’estero può durare da un minimo di 2 mesi a un massimo di 12 mesi. Con Erasmus+ puoi svolgere più soggiorni all’estero, sia come studente che come tirocinante, ma il periodo totale trascorso all’estero, compresi i periodi di studio, non può superare 12 mesi in un ciclo di studi. Il tirocinio deve riguardare le esigenze di apprendimento connesse alla laurea e quelle di sviluppo personale del partecipante e, ove possibile, deve essere integrato nel programma di studi.

Non perderti:  Studiare all’estero: una breve guida per orientarsi