Trekking in Italia: idee per gli appassionati delle passeggiate

Sono in tanti che, invece di rilassarsi al mare o in piscina, approfittano della bella stagione per dedicarsi al trekking. Si tratta di un vero e proprio sport che consiste nel camminare lungo percorsi pochi agevoli i quali generalmente non possono essere percorsi con altri mezzi di trasporto. Ovviamente è un’attività molto salutare che, inoltre, consente di immergersi nella natura più selvaggia e di godersi scenari e paesaggi meravigliosi. Se siete degli appassionati di trekking o volete provare questa esperienza per la prima volta, ecco dove farlo in Italia!

Leggi anche:

Trekking in Italia: i percorsi naturalistici da non perdersi

Il territorio italiano offre una vastissima quantità di percorsi di trekking, che siano a mare, in montagna o in campagna. Ecco quelli su cui puntare per vivere un’esperienza indimenticabile:

  • Sentiero Viel del Pan (Trentino Alto Adige – Veneto): il percorso permette di godere di una incredibile vista della Marmolada, una delle montagne più famose delle Dolomiti; l’escursione ha la durata di circa tre ore solo andata ed è costellato da rifugi e baite in cui ristorarsi;
  • Via Francigena (Toscana – Lazio – Campania): è una parte dell’antico percorso di pellegrinaggio che va da Canterbury a Roma; l’itinerario, molto frequentato dagli escursionisti, attraversa moltissime città del Centro-Sud Italia e comprende anche antiche strade romane;
  • La Strada del Vino dei Colli di Candia e di Lunigiana (Toscana): si tratta di un percorso che attraversa la parte settentrionale della Toscana, comprendendo un paesaggio variegato che va dagli Appennini al mare; durante l’itinerario è possibile ammirare aziende vitivinicole, borghi e castelli antichi;
  • Il Sentiero degli Dei (Campania): è un percorso che dura due ore e mezza e inizia a Bomerano terminando sopra Positano; gli scenari da ammirare sono incedibili e mozzafiato in quanto tutto l’itinerario è a picco sul mare;
  • Limitone dei Greci (Puglia): corrisponde all’antica linea di confine che divideva l’impero Bizantino e quello dei Longobardi; il percorso attraversa luoghi suggestivi composti sopratutto da vigneti, uliveti e sterminati campi di grano.