L’espressione “Salute” dopo uno starnuto: il significato attuale

È usanza comune rispondere “Salute” quando una persona che è in nostra compagnia starnutisce. L’espressione è molto utilizzata in ogni tipologia di contesto e nella maggior parte dei casi assume il significato di augurio per scongiurare l’arrivo di un forte raffreddore. In verità le origini di questa risposta sono molto antiche e le accezioni dell’espressioni sono diverse in base ai vari periodi storici a cui si fa riferimento. Scopriamole insieme!

L’espressione “Salute” dopo uno starnuto: le origini e i significati

L’espressione “Salute” dopo uno starnuto ha origini molte antiche e, nel corso del tempo, ha assunto significati diversi in base ai vari periodi storici. Pare che l’augurio risalga all’Antica Grecia: secondo il filosofo Aristotele lo starnuto era un segnale del cervello, sede dello spirito e dell’intelligenza, e quindi doveva essere onorato con questa espressione. Anche nell’Antica Roma lo starnuto era considerato come un messaggio del pensiero a cui bisognava rispondere con un “Salve”. Nel Medioevo, invece, l’espressione “Salute” ha acquisito il significato di augurio per scongiurare la peste nera che come primo sintomo aveva proprio lo starnuto. Infine, nel 17esimo secolo, lo starnuto torna ad essere collegato al cervello in quanto serviva per far uscire il vapore e mantenere il cervello in salute.

L’espressione “Salute” dopo uno starnuto: cosa dice il galateo

Anche se la formula “Salute” è molto usata dopo uno starnuto, in verità secondo il galateo è un’espressione indice di forte maleducazione. In questo caso, infatti, si pone maggiormente l’attenzione su cui ha starnutito mettendolo in imbarazzo se si è in pubblico. Per essere rispettosi, quindi, non bisognerebbe lanciare l’augurio ma la persona in questione dovrebbe subito scusarsi del gesto improvviso.

Leggi anche: