“Patres conscripti Micipsa pater meus moriens mihi praecepit uti regni Numidiae tantummodo

procurationem existimarem meam ceterum ius et imperium eius penes vos esse; simul eniterer domi militiaeque quam maximo usui

esse populo Romano; vos mihi cognatorum vos affinium loco ducerem: si ea fecissem in vestra amicitia exercitum divitias

munimenta regni me habiturum. Quae cum praecepta parentis mei agitarem Iugurtha homo omnium quos terra sustinet sceleratissimus

contempto imperio vestro Masinissae me nepotem et iam ab stirpe socium atque amicum populi Romani regno fortunisque omnibus

expulit. Atque ego patres conscripti quoniam eo miseriarum venturus eram vellem potius ob mea quam ob maiorum meorum beneficia

posse me a vobis auxilium petere ac maxime deberi mihi beneficia a populo Romano quibus non egerem secundum ea si desideranda

erant uti debitis uterer. Sed quoniam parum tuta per se ipsa probitas est neque mihi in manu fuit Iugurtha qualis foret ad vos

confugi patres conscripti quibus quod mihi miserrimum est cogor prius oneri quam usui esse. Ceteri reges aut bello victi in

amicitiam a vobis recepti sunt aut in suis dubiis rebus societatem vestram appetiuerunt; familia nostra cum populo Romano bello

Carthaginiensi amicitiam instituit quo tempore magis fides eius quam fortuna petenda erat. Quorum progeniem vos patres

conscripti nolite pati me nepotem Masinissae frustra a vobis auxilium petere. Si ad impetrandum nihil causae haberem praeter

miserandam fortunam quod paulo ante rex genere fama atque copiis potens nunc deformatus aerumnis inops alienas opes expecto

tamen erat maiestatis populi Romani prohibere iniuriam neque pati cuiusquam regnum per scelus crescere. Verum ego iis finibus

eiectus sum quos maioribus meis populus Romanus dedit unde pater et auos meus una vobiscum expulere Syphacem et

Carthaginiensis. Vestra beneficia mihi erepta sunt patres conscripti vos in mea iniuria despecti estis. Eheu me miserum! Hucine

Micipsa pater beneficia tua euasere ut quem tu parem cum liberis tuis regnique participem fecisti is potissimum stirpis tuae

extinctor sit? Numquamne ergo familia nostra quieta erit? Semperne in sanguine ferro fuga versabitur? Dum Carthaginienses

incolumes fuere iure omnia saeva patiebamur: hostes ab latere vos amici procul spes omnis in armis erat. Postquam illa pestis

ex Africa eiecta est laeti pacem agitabamus quippe quis hostis nullus erat nisi forte quem vos iussissetis. Ecce autem ex

improuiso Iugurtha intoleranda audacia scelere atque superbia sese efferens fratre meo atque eodem propinquo suo interfecto

primum regnum eius sceleris sui praedam fecit; post ubi me isdem dolis nequit capere nihil minus quam vim aut bellum

expectantem in imperio vestro sicuti videtis extorrem patria domo inopem et coopertum miseriis effecit ut ubiuis tutius quam in

meo regno essem. Ego sic existimabam patres conscripti uti praedicantem audiueram patrem meum qui vestram amicitiam diligenter

colerent eos multum laborem suscipere ceterum ex omnibus maxime tutos esse. Quod in familia nostra fuit praestitit uti in

omnibus bellis adesset vobis; nos uti per otium tuti simus in vestra manu est patres conscripti. Pater nos duos fratres

reliquit tertium Iugurtham beneficiis suis ratus est coniunctum nobis fore. Alter eorum necatus est alterius ipse ego manus

impias vix effugi. Quid agam? Aut quo potissimum infelix accedam? Generis praesidia omnia extincta sunt. Pater uti necesse erat

naturae concessit. Fratri quem minime decuit propinquos per scelus vitam eripuit. Affinis amicos propinquos ceteros meos alium

alia clades oppressit: capti ab Iugurtha pars in crucem acti pars bestiis obiecti sunt pauci quibus relicta est anima clausi in

tenebris cum maerore et luctu morte grauiorem vitam exigunt. Si omnia quae aut amisi aut ex necessariis aduersa facta sunt

incolumia manerent tamen si quid ex improuiso mali accidisset vos implorarem patres conscripti quibus pro magnitudine imperi

ius et iniurias omnis curae esse decet. Nunc vero exul patria domo solus atque omnium honestarum rerum egens quo accedam aut

quos appellem? Nationesne an reges qui omnes familiae nostrae ob vestram amicitiam infesti sunt? An quoquam mihi adire licet

ubi non maiorum meorum hostilia monumenta plurima sint? Aut quisquam nostri misereri potest qui aliquando vobis hostis fuit?

Postremo Masinissa nos ita instituit patres conscripti ne quem coleremus nisi populum Romanum ne societates ne foedera nova

acciperemus: abunde magna praesidia nobis in vestra amicitia fore; si huic imperio fortuna mutaretur una occidendum nobis esse.

Virtute ac dis volentibus magni estis et opulenti omnia secunda et oboedientia sunt: quo facilius sociorum iniurias curare

licet. Tantum illud vereor ne quos privata amicitia Iugurthae parum cognita transuersos agat. Quos ego audio maxima ope niti

ambire fatigare vos singulos ne quid de absente incognita causa statuatis; fingere me verba et fugam simulare cui licuerit in

regno manere. Quod utinam illum cuius impio facinore in has miserias proiectus sum eadem haec simulantem videam et aliquando

aut apud vos aut apud deos immortalis rerum humanarum cura oriatur: ne ille qui nunc sceleribus suis ferox atque praeclarus est

omnibus malis excruciatus impietatis in parentem nostrum fratris mei necis mearumque miseriarum grauis poenas reddat. Iam iam

frater animo meo carissime quamquam tibi immaturo et unde minime decuit vita erepta est tamen laetandum magis quam dolendum

puto casum tuum. Non enim regnum sed fugam exilium egestatem et omnis has quae me premunt aerumnas cum anima simul amisisti. At

ego infelix in tanta mala praecipitatus ex patrio regno rerum humanarum spectaculum praebeo incertus quid agam tuasne iniurias

persequar ipse auxili egens an regno consulam cuius vitae necisque potestas ex opibus alienis pendet. utinam emori fortunis

meis honestus exitus esset neu viuere contemptus viderer si defessus malis iniuriae concessissem. Nunc neque viuere libet neque

mori licet sine dedecore. Patres conscripti per vos per liberos atque parentis vestros per maiestatem populi Romani subuenite

mihi misero ite obviam iniuriae nolite pati regnum Numidiae quod vestrum est per scelus et sanguinem familiae nostrae

tabescere.”

Traduzione

«Padri coscritti, Micipsa, mio

padre, m’ingiunse morendo di
ritenermi soltanto l’amministratore del regno di Numidia, perché, per il

resto, il dominio su di esso di diritto e di fatto spettava a voi; e mi
raccomandò di rivolgere il più possibile ogni

mio sforzo, in pace e in
guerra, all’utilità del popolo romano e di considerarvi come consanguinei
e

parenti. A queste condizioni, nella vostra alleanza io avrei ritrovato
esercito, ricchezza, difesa del regno. Mentre

io applicavo i consigli di
mio padre, Giugurta, l’uomo più malvagio che sia mai nato, disprezzando la

vostra autorità, privò del trono e d’ogni bene me, nipote di Massinissa,
sin dalla nascita alleato e amico del

popolo romano.
Ora io, padri coscritti, poiché ero destinato a precipitare in tanta
miseria, avrei

desiderato poter chiedere il vostro aiuto più per i miei
servigi che per quelli dei miei antenati; avrei voluto,

anzitutto, che mi
fossero dovuti da parte del popolo romano, senza averne bisogno; in
secondo luogo, se

proprio avessi dovuto ricorrervi, che fossero come un
debito da riscuotere. Ma poiché l’onestà è di per sé

malsicura e il
comportamento di Giugurta non dipendeva da me, sono ricorso a voi, padri
coscritti,

costretto, per mia somma sventura, a esservi più di peso che di
giovamento. Gli altri re o furono da voi accolti

come amici, dopo essere
stati sconfitti, o chiesero di diventarlo nel momento del pericolo; al
contrario la

nostra famiglia si alleò col popolo romano nel corso della
guerra contro Cartagine, quando si poteva contare sulla

sua lealtà più che
sulla sua potenza. Non vogliate permettere, padri coscritti, che io,
progenie di quei

re, nipote di Massinissa, implori invano il vostro aiuto.
Se a ottenerlo non avessi altro titolo che la mia misera

sorte per cui,
fino a ieri re potente per stirpe, fama e ricchezze, sono oggi avvilito
dalle sventure,

povero e bisognoso del soccorso altrui, sarebbe pur sempre
degno della maestà del popolo romano impedire un sopruso e

non consentire
che per mezzo di un delitto si possa accrescere un regno. Ma ora io sono
cacciato da quella

terra che i miei antenati ebbero dal popolo romano, da
cui mio padre e mio nonno, insieme con voi, espulsero Siface e

i
Cartaginesi; quanto mi vien tolto era vostro, padri coscritti; voi, nella
offesa recata a me, siete gli

offesi.
Oh me infelice! Ecco dunque, Micipsa, padre mio, il frutto della tua
generosità! Il più accanito

sterminatore della tua stirpe è proprio colui
che tu avevi reso uguale ai tuoi figli e compartecipe del regno. Non

avrà
mai pace la nostra famiglia? Sarà sempre travagliata da uccisioni, guerre,
esili? Finché Cartagine fu

potente, era naturale che sopportassimo ogni
tipo di prepotenza: con i nemici accanto e voi, gli amici, lontani,

l’unico scampo era nelle armi. Ma liberata l’Africa da quel flagello, noi
vivevamo sereni e tranquilli, non

avendo alcun nemico, se non quello che
voi avreste potuto eventualmente imporci. Quand’ecco all’improvviso

Giugurta, gonfio di intollerabile audacia, di malvagità e tracotanza,
ucciso mio fratello, che era al tempo stesso

suo congiunto, dapprima, in
compenso del delitto commesso s’impadronì del suo regno; quindi, non
potendo

prendermi con gli stessi inganni, poiché non mi aspettavo che
violenza e guerra, come vedete, mi rese, sebbene sotto

la vostra
sovranità, esule dalla casa paterna, povero e afflitto dalle sventure,
così da essere più al

sicuro in qualsiasi luogo che nel mio regno.
Io ritenevo, come avevo inteso più volte dire da mio padre, che

chiunque coltivasse fedelmente la vostra amicizia, padri coscritti, si
assumesse un impegno non facile, ma fosse,

fra tutti, il più sicuro. La
nostra famiglia ha sempre fatto tutto quello che le era possibile per

aiutarvi in tutte le guerre: che noi oggi viviamo sicuri in tempo di pace,
dipende da voi, padri coscritti. Mio

padre lasciò noi due fratelli e il
terzo, Giugurta, pensò che sarebbe rimasto legato a noi dai suoi benefici.

Dei due uno è stato ucciso: io sono sfuggito a stento alle empie mani
dell’altro. Che cosa farò? Dove, infelice,

potrò mai rivolgermi? I
sostegni della famiglia sono venuti tutti a mancare. Mio padre ha dovuto

inevitabilmente cedere alla legge di natura; a mio fratello chi meno
avrebbe dovuto, cioè un parente, ha tolto la

vita in modo spietato; i
parenti, gli amici e gli altri miei congiunti sono caduti vittime chi di
una

sciagura chi di un’altra: presi da Giugurta, alcuni furono crocifissi,
altri esposti alle fiere, i pochi lasciati in

vita, rinchiusi in oscure
prigioni, trascinano, nella tristezza e nel pianto, una vita peggiore
d’ogni

morte. Se mi fosse rimasto tutto quello che ho perduto o che da
amico mi è diventato nemico, io nondimeno, a ogni

improvvisa mia
disgrazia, invocherei voi, padri coscritti, ai quali, per la grandezza
dell’impero, spetta

la difesa del diritto e la punizione delle offese.
Ora però, cacciato dalla casa paterna, solo, spogliato di ogni

dignità,
dove andrò? A chi mi rivolgerò? Ai popoli o ai re, che sono tutti ostili
alla nostra stirpe, a

causa della nostra amicizia con voi? O posso io
andare in qualche luogo, ove non ritrovi a ogni passo le tracce delle

guerre combattute dai miei antenati? O potranno avere pietà di me coloro
che un tempo furono vostri nemici?

Infine, padri coscritti, Massinissa
ci inculcò il principio di non onorare altri che il popolo romano, di non

stringere nuove alleanze o trattati. Nella vostra amicizia, diceva,
avremmo trovato l’aiuto più grande: se la

fortuna fosse mutata per questo
impero, avremmo dovuto perire con esso. Per il vostro valore e per
volere

degli dèi siete grandi e potenti, tutto vi favorisce e vi
obbedisce: tanto più facile vi è, quindi, vendicare le

offese inflitte ai
vostri alleati.
Questo soltanto io temo: che l’amicizia non bene sperimentata di alcuni

privati per Giugurta abbia a trarre qualcuno in errore. Sento che essi si
adoperano con grandissimo

impegno, circuiscono e sollecitano ciascuno di
voi, per indurvi a non prendere provvedimenti nei confronti di un

assente,
senza aver istruito un’inchiesta. Insinuano che le mie accuse sono false e
il mio esilio

simulato, perché nulla m’impediva di rimanere nel regno.
Potessi io vedere simulare altrettanto quell’uomo che con

i suoi misfatti
mi ha fatto precipitare in queste sventure! E potesse una buona volta
destarsi in voi o

negli dèi immortali la sollecitudine per le vicende
umane! Certamente costui, che ora va fiero e trionfante dei

propri
delitti, travagliato da mille tormenti, sconterebbe una pena tremenda per
l’empietà verso nostro

padre, per l’assassinio di mio fratello e per
queste mie disgrazie. Ormai, fratello carissimo all’animo mio,

benché
la vita ti sia stata strappata così immaturamente e da chi meno doveva,
penso, tuttavia, che la tua

morte sia motivo di consolazione più che di
dolore: con la vita hai lasciato non già il regno, ma la fuga,

l’esilio, la miseria e quanti altri affanni mi opprimono. Ma io, infelice,
precipitato dal trono paterno in un

abisso di sciagure, sono fatto esempio
vivente delle vicissitudini umane, incerto su ciò che debbo fare: se

vendicare io stesso, bisognoso d’aiuto, l’oltraggio recato a te, o pensare
al regno, quando la mia vita e la mia

morte sono in mano ad altri. Oh,
se almeno la morte fosse una fine onorevole per le mie tragiche vicende e

non apparissi invece giustamente spregevole, se vinto dalle sventure
cedessi all’offesa! Ormai vivere mi è

insopportabile e non mi è dato
morire senza vergogna.
Per voi, padri coscritti, per i vostri figli e

congiunti, per la maestà
del popolo romano, aiutatemi nella sventura, opponetevi alla prepotenza,
non

permettete che il regno di Numidia, che vi appartiene, si dissolva per
mezzo di delitti e con lo sterminio della

nostra famiglia».