Purtroppo all’attesa generale per l’ultimo film di Christopher Nolan dedicato al Cavaliere Oscuro si sono aggiunte notizie di cronaca.

Alle polemiche, alla fine divertenti, nate dall’avversario politico di Obama che asserisce che per cosplay di Bane.

Ma chi è questo Bane? Il personaggio viene creato nel 1993 con lo scopo di diventare il protagonista principale della saga Knightfall nella quale sconfiggeva Batman spezzandogli la spina dorsale (era il periodo in cui Superman moriva, ovvero misure estreme per vendere di più). Bane nasce nel carcere di Santa Prisca dove matura un’intelligenza voltata al male e un’abilità enorme nell’uso delle arti marziali. Queste sue capacità vengono poi amplificate grazie alla somministrazione continua di una droga potentissima di nome Venom tramite tubi installati sul collo. Ordisce quindi un piano diabolico per tenere Batman impegnato a ciclo continuo per vari giorni, senza farlo neppure dormire, stressandolo e indebolendolo fisicamente e mentalmente, che culmina nello scontro finale dove lo paralizzerà (Pivello, non sapeva che Bruce Wayne in futuro sarebbe stato polverizzato da un Raggio Omega e poi risorto).

Bane di Nolan, invece, nasce sì in una prigione ma è un allievo de La setta delle Ombre di Ra’s al Ghul, ripudiato per la sua eccessiva violenza. Ora è intenzionato a conquistare Gotham e sconfiggere Batman. Non ha come l’omologo fumettistico una maschera da lottatore messicano sul volto ma un respiratore che gli inala un gas antidolorifico.

Un personaggio carismatico e interessante, decisamente. Di certo non ci si augura mai che un pazzo, in uno Stato dove c’è una facilità mostruosa a procurarsi armi, possa prenderlo ad esempio.

PS In realtà c’è anche un’altra versione cinematografica di Bane: quella apparsa nel Batman e Robin di Joel Schumacher, ma è meglio dimenticarsela come di tutto il resto del film.