Tales of the City in streaming: come vederlo

Tales of the City è la miniserie basata sui racconti di Armistead Maupin che uscirà il prossimo 7 giugno 2019 su Netflix: il revival dell’omonima serie del 1993 sarà quindi disponibile per tutti gli abbonati alla famosa piattaforma di streaming. Tornano alcuni personaggi della serie originale: Laura Linney presta nuovamente il volto a Mary Ann, che ritorna a San Francisco e ritrova sia la figlia adottiva Shawna (Ellen Page) sia l’ex marito Brian (Paul Gross), vent’anni dopo averli lasciati per seguire i suoi sogni.

Tales of the City in streaming: come vederlo

Tales of the City in streaming: trama

“Basata sui romanzi di Armistead Maupin, la serie TV originale Netflix Tales of the City segna l’inizio di un nuovo capitolo dell’omonima saga tanto amata dai lettori. Mary Ann (Laura Linney) torna a San Francisco e si ricongiunge alla figlia Shawna (Ellen Page) e all’ex marito Brian (Paul Gross), vent’anni dopo averli lasciati per dedicarsi alla propria carriera. In fuga dalla crisi di mezz’età generata dalla sua nuova vita perfetta in Connecticut, Mary Ann torna rapidamente nell’orbita di Anna Madrigal (Olympia Dukakis) e della sua famiglia adottiva, formata da una nuova generazione di giovani queer che vivono al numero 28 di Barbary Lane”, questa è la trama ufficiale della serie tv.

Tales of the City in streaming: personaggi

Nel cast troviamo Barbara Garrick, Murray Bartlett, Charlie Barnett, Josiah Victoria Garcia, May Hong, Jen Richards, Daniela Vega, Michelle Buteau, Ashley Park, Christopher Larkin, Caldwell Tidicue, Matthew Risch, Michael Park, Dickie Hearts, Benjamin Thys, Samantha Soule, Juan Castano, Zosia Mamet, Victor Garber e Molly Ringwald. Si tratta di una produzione di Working Title Television e NBCUniversal International Studios per Netflix. Lauren Morelli è showrunner e produttrice esecutiva, accanto a Armistead Maupin e Laura Linney. Alan Poul è regista e produttore esecutivo. Andrew Steran, Liza Chasin, Tim Bevan e Eric Fellner di Working Title sono anch’essi produttori esecutivi.