Gruppi Linkedin: cosa sono

Linkedin è un servizio web, ormai diffuso in oltre duecento Paesi, impiegato principalmente nello sviluppo di contatti professionali. Attraverso la piattaforma gli utenti non solo hanno la possibilità di creare una propria rete sociale, ma anche di iscriversi a specifici gruppi in cui condividere consigli ed esperienze o chiedere indicazioni a professionisti di un settore particolare di riferimento. La ricerca di un gruppo che corrisponda a determinati interessi o aree di competenza è molto semplice: basterà digitare il nome di un settore industriale o di un argomento e poi selezionare l’opzione “Gruppi” dal menù a discesa alla sinistra della barra per le ricerche. I gruppi Linkedin si dividono in due grandi categorie:

  • gruppi aperti: l’accesso da parte di un nuovo utente è immediato;
  • gruppi chiusi: sono contrassegnati dall’icona di un lucchetto e la richiesta di un nuovo utente deve essere necessariamente accettata dall’amministratore.

Gruppi Linkedin: come funzionano

I gruppi Linkedin sono ottimi strumenti per potenziare ed ampliare la propria rete sociale. Una volta diventati membri di un gruppo, è possibile muoversi in varie direzioni:

  • avviare una conversazione: inserire l’argomento di conversazione o la domanda nella casella di testo “Avvia una nuova conversazione in questo gruppo”, al tema può essere allegato un’immagine, un video e anche un testo;
  • partecipare ad una conversazione: è consigliabile non sono rispondere ad una domanda, ma anche esortare la partecipazione alla discussione chiedendo le opinioni dei membri;
  • comunicare con un altro membro: all’interno di un gruppo è possibile comunicare anche con un singolo membro oltre ad inviare un invito a collegarsi al proprio profilo.

Gruppi Linkedin: perchè sono utili

Per sfruttare al meglio Linkedin, è necessario aderire ai gruppi di discussione di proprio interesse. Attraverso questi strumenti ogni utente può ampliare la propria rete sociale, trovare informazioni utili alla propria professione e stabilire nuovi collegamenti. Nei gruppi è possibile condividere consigli ed esperienze o chiedere indicazioni a professionisti. Inoltre, la partecipazione attiva alle discussioni può migliorare in modo esponenziale la reputazione di un utente rendendolo influencer in uno specifico settore.

Leggi anche: