Concerti 2021 annullati: cos’è successo

Il 2020 è stato un anno davvero difficile per il mondo della musica: a causa dell’emergenza sanitaria tutti i grandi tour previsti da marzo sono stati rimandati al 2021 e sono potuti andare in scena solo piccoli appuntamenti dal vivo nel corso dell’estate, senza però accogliere troppo pubblico. Come andrà il nuovo anno? In realtà il Covid è ancora tra di noi e c’è chi si aspetta la terza ondata, perciò è ancora poco chiaro il futuro della musica dal vivo in Italia e non solo. Ma cosa fare con i biglietti dei concerti già acquistati in precedenza?

Concerti 2021 annullati: come funziona il rimborso dei biglietti

Concerti 2021 annullati: come funziona il rimborso dei biglietti

Per i biglietti già acquistati di concerti che sono stati rimandati, ovviamente il ticket ha validità per la nuova data, mentre per i live che sono stati annullati sono stati messi a disposizione dei voucher (la conversione dei voucher in rimborso monetario è possibile solo e soltanto per i concerti di musica leggera cancellati). Se hai un Voucher Organizzatore e vuoi sapere per quali eventi è possibile spenderlo ti basta inserie il codice del Voucher in tuo possesso nel campo di ricerca disponibile in questa pagina e procedi con la ricerca. Troverai tutti gli eventi per i quali è possibile spendere il tuo voucher.

Leggi anche:

Concerti 2021 annullati: come funziona con TicketOne

Come fa sapere il sito di TicketOne un base alle disposizioni contenute nel “Decreto Cura Italia” (D.L. n. 18/2020) di cui all’art. 88 e successivi provvedimenti e in base alle conseguenti decisioni prese dall’Organizzatore, il rimborso dei biglietti inerenti gli eventi annullati a causa dell’emergenza Covid19 potrà essere erogato tramite Voucher.

Per i seguenti eventi è ancora possibile fare la richiesta entro i termini di seguito riportati:

  • Coez (25 luglio 2020) entro il 31 dicembre 2020 compreso
  • Nick Cave and the Bad Seeds (9 giugno 2020) entro l’8 gennaio 2021 compreso
  • Nick Cave and the Bad Seeds (11 giugno 2020) entro l’8 gennaio 2021 compreso