Fateme cantà di Ultimo: uscita

Fateme cantà” è il nuovo singolo di Ultimo per Honiro, distribuzione Believe, in uscita su tutte le piattaforme digitali e in radio da venerdì 22 febbraio 2019. Questo nuovo brano di Ultimo, scritto e interpretato dal giovane artista, è una canzone in dialetto romano, un brano che rappresenta un vero e proprio manifesto del suo cantautorato. Per la prima volta Niccolò (questo il suo vero nome) scrive in dialetto.

Fateme cantà di Ultimo: uscita, testo, significato

Fateme cantà di Ultimo: significato

A fine mese uscirà ‘Fateme cantà’ una canzone in dialetto romano a difesa degli ultimi contro il potere“, ha dichiarato lo stesso Ultimo per parlare della canzone che farà parte del suo nuovo album “Colpa delle favole“, in uscita il prossimo 5 aprile. Il lavoro discografico arriva dopo il successo del brano “I tuoi particolari” che si è classificato al secondo posto al Festival di Sanremo 2019, alle spalle di Mahmood con il singolo “Soldi”, con non poche polemiche al seguito.

Fateme cantà di Ultimo: testo

Che giornata che giornata
so’ distrutto eh
so’ distrutto
cameriè portame er vino

Fateme cantà
che nc’ho voja de sta co’ sta gente
che me parla
ma nun dice niente
fateme cantà
che me sento anche un po’ innervosito
da sta gente che me chiede na foto
io vorrei parlaje de loro
oh oh oh

Fateme cantà
sto a’mpazzì appresso a troppe esigenze
c’ho bisogno all’appello de dì che so assente
e e e….
e fateme cantà
pe l’amici che ho lasciato ar parcheggio
io che quasi me ce sento ‘ncolpa
de ave’ avuto sto sporco successo
che è amico sul palco e t’ammazza nel resto
oh oh oh

Fateme cantà
nun so bono a inventamme i discorsi
sbajo i modi
i toni e anche i tempi
parlo piano manco me sentiresti
e e e…

Fateme cantà
che a ste cene co questi in cravatta
parlo a gesti nun so la loro lingua
e e e…

E fateme cantà
pe’ quer tizio che nun c’ha più er nome
sta per strada a elemosinà ‘ncore
pe’ quer padre che se strigne l’occhi
davanti a suo figlio pe’ proteggeje i sogni
oh oh oh

Fateme cantà
pe’ sti gatti che aspettano svegli
un motore pe’ stassene caldi
pe’ i ricordi che me spezzano er sonno
e a letto me fanno girà come un matto
un matto un matto

E na ra na ra na
na ra na ra na
na ra na ra na
na ra na ra na
na ra na ra na
na ra na ra na
na ra na ra na
na ra na ra na
na ra na ra na