I Predatori su Sky Cinema Due e Now: dettagli

I predatori è un film dello scorso anno presentato in concorso alla 77esima Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia nella sezione Orizzonti. Si tratta del primo lungometraggio in assoluto di Pietro Castellitto in veste di regista e sceneggiatore (in questo caso è anche tra gli attori). Chi non ha potuto vederlo sul grande schermo potrà recuperare a partire sabato 8 marzo, visto che sarà disponibile su Sky Cinema Due, on demand e in streaming su Now. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla trama e il cast!

I predatori di Pietro Castellitto, il film presentato a Venezia 2020

f

I Predatori di Pietro Castellitto: la trama

Ci troviamo ad Ostia: un uomo bussa alla porta di una casa di una signora e le vende un orologio di basso valore ad un prezzo esagerato; qualche giorno dopo un giovane assistente di filosofia viene escluso dal gruppo scelto per la riesumazione del corpo di Nietzsche. Due torti subiti. Due famiglie apparentemente incompatibili: i Pavone e i Vismara. La prima infatti è borghese e intellettuale, mentre la seconda proletaria e fascista. Due gruppi di persone completamente opposti che però vivono nella stessa città, quindi Roma. Un banale incidente farà incrociare le loro vite: “E la follia di un ragazzo di 25 anni scoprirà le carte per rivelare che tutti hanno un segreto e nessuno è ciò che sembra. E che siamo tutti predatori”, si legge nella sinossi ufficiale. Ecco il cast completo del film:

  • Massimo Popolizio: Pierpaolo Pavone
  • Giorgio Montanini: Claudio Vismara
  • Pietro Castellitto: Federico Pavone
  • Manuela Mandracchia: Ludovica Pensa
  • Dario Cassini: Bruno Parise
  • Anita Caprioli: Gaia
  • Marzia Ubaldi: Ines
  • Nando Paone: Nicola Fiorillo
  • Antonio Gerardi: Flavio Vismara
  • Vinicio Marchioni: Venditore di orologi

I Predatori: le dichiarazioni del regista

“Sono profondamente felice che il mio film venga presentato nella sezione Orizzonti. Lo sconquasso della pandemia ha distrutto molte certezze aprendo le porte a un nuovo scontro fra culture e visioni del mondo, premessa fondamentale per qualsiasi era artistica. C’è un che di bellico in quest’alba veneziana e farne parte è motivo di orgoglio. Ringrazio Alberto Barbera e tutti i selezionatori per la fiducia data. Spero di esserne all’altezza”, aveva dichiarato al tempo dell’uscita Pietro Castellitto, figlio di Sergio Castellitto (in quell’occasione il film ha vinto il Premio Orizzonti per la miglior sceneggiatura a Venezia 2020).

Potrebbe interessarti anche: Venezia 77: tutti i premi ed i vincitori della Mostra del Cinema 2020