La storia del mondo di Nek: uscita

Da venerdì 19 aprile è in radio e in tutti i digital store “La storia del mondo“, il nuovo singolo di Nek che anticipa il suo prossimo disco di inediti dal titolo “Il mio gioco preferito – parte prima” che verrà pubblicato il 10 maggio (distribuito da Warner Music Italy) e prima parte di un progetto musicale che caratterizzerà il 2019 del cantante.

La storia del mondo di Nek: uscita, testo, significato

La storia del mondo di Nek: testo

Abbiamo visto bandiere
aquiloni e astronavi
abbiamo visto le foto in bianco e nero
l’Italia che vince i mondiali
abbiamo visto le piazze
e noi bambini invecchiare
abbiamo visto le stelle da un marciapiede
cadere e non farci del male
e ne abbiamo viste di occasioni di orizzonti sopra i muri
prima di dormire dimmi come stai
nei tuoi occhi libri da sfogliare e l’arte di volersi bene
che non hai imparato mai

Musicisti e ladri d’amore
prigionieri, studenti e signore
è tutto per noi
è tutto per noi
bravi figli di pessimi padri
benedetti nei giorni sbagliati
è tutto per noi
guardandoci a fondo
siamo la storia del mondo
siamo la storia del mondo

Abbiamo visto la neve
le campane impazzire
abbiamo odiato settembre, il telegiornale
e avere purtroppo ragione
e ne abbiamo viste di stazioni, di valige senza nomi
e di case dove non ritornerai
lunghe estate calde di cicale e di sere da godere
che non finiresti mai

Musicisti e ladri d’amore
prigionieri, studenti e signore
è tutto per noi
è tutto per noi
bravi figli di pessimi padri
benedetti nei giorni sbagliati
è tutto per noi
guardandoci a fondo
siamo la storia del mondo
siamo la storia del mondo

E abbiamo visto tante cose
riesci a ricordarle?
delle nostre facce qualche cosa resterà
e c’è poesia dentro un errore
la bellezza di provare
pacifisti e grandi impostori
invitati che restano fuori
è tutto per noi
è tutto per noi
e ragazze cresciute veloci
e chiunque non conterà mai fino a dieci
è tutto per noi
guardandoci attorno
siamo la storia del mondo
siamo la storia del mondo

La storia del mondo di Nek: significato

Questa canzone è stata scritta dallo stesso Filippo Neviani (questo il vero nome dell’artista) insieme a Giulia Anania, Andrea Bonomo, Luca Chiaravalli e Davide Simonetta. Si tratta di è un emozionante brano capace di raccontare piccole istantanee di vita personale, ma allo stesso tempo di immortalare momenti che riescono a caratterizzare intere generazioni.