Linguaggio dei segni: quello che dovete sapere

Il linguaggio dei segni consiste in una lingua naturale usata tramite il canale visivo-gestuale da tutti coloro che fanno parte della comunità sordi. Si tratta di un linguaggio con delle regole e, se lo si vuole imparare bene, si devono seguire degli specifici corsi. Chi intraprende questa strada è spinto da una forte motivazione, è mosso sicuramente da una passione e dalla voglia di aiutare gli altri, in particolare quelli più deboli che, per cause naturali o per incidenti, non hanno o hanno perso il dono della parola e il senso dell’udito. Se l’argomento vi interessa, rimanete con noi scopriamo meglio come funziona il linguaggio, i corsi per apprenderlo e i costi.

Leggi anche: SignAloud, il guanto che traduce la lingua dei segni

Linguaggio dei segni: come funziona

La lingua dei segni nasce negli USA verso la fine degli anni 50 grazie a William Stokoe che capi come i segni appartenente alla asl, cioè il linguaggio utilizzato dalla comunità di soggetti statunitensi affetti da sordità, potessero essere scissi in unità che da sole non avevano valore e significato, ma intrecciate tra loro assumessero diversi significati linguistici. L.I.S. ossia Lingua Italiana dei Segni, è composta da regole di grammatica, simbolismi e struttura di natura specifici, e, attraverso i  cinque parametri  di cui è composta, vengono collegati alla gestualità: il muoversi, l’orientarsi e le espressioni del viso sono associati alle componenti non manuali. Il linguaggio dei segni non è universale, è formato da immagini che combaciano l’una con l’altra. Le persone sorde creano il loro pensiero per memorizzare nella loro mente i contenuti attraverso la vista.

Linguaggio dei segni: i corsi per imparare

Esistono diversi corsi, sia in presenza che online, per imparare il linguaggio dei segni. Tali corsi prevedono diversi sbocchi professionali:

  1. Interprete: traduce la lingua vocale alla LIS e viceversa;
  2. Assistente alla comunicazione: lavora nell’ambito scolastico con i bambini sordi;
  3. Educatore: opera in diversi contesti con ospiti sordi;
  4. Presso cooperative sociali e lo stesso ENS (Ente Nazionale Sordi).

Linguaggio dei segni: quali sono i costi dei corsi

Questi corsi hanno dei costi, ma bisogna tenere presente che ne sono previsti anche di gratuiti finanziati da vari enti e dalle stesse regioni. Se non trovate agevolazioni o corsi gratuiti, sappiate che questi corsi non costano molto, si tratta di cifre accessibili; non escludiamo il fatto che possiate anche trovare delle vantaggiose offerte, per corsi sia on line che in presenza.