Maturità 2021: si avvicina la data nella quale migliaia di studenti dovranno affrontare l’esame di stato a conclusione del proprio ciclo di studi. Ma, a differenza degli altri anni, si potrà essere ammessi alla prova finale con una sola insufficienza.

Come lo scorso anno anche per il 2021, a causa dell’emergenza Covid, le modalità di svolgimento dell’esame saranno differenti rispetto a quelle previste dal decreto legislativo n. 62/2017. Così come saranno diversi i requisiti di ammissione. Nel 2020 tutti gli allievi erano stati ammessi senza che il consiglio di classe potesse esprimersi o decidere in merito. L’ammissione era stata disposta dal Ministero. Quest’anno, invece, si presentano delle novità.

Leggi: Esami di maturità 2021: la commissione

Maturità 2021, requisiti di ammissione

L’articolo 2, comma 1, dell’OM n. 53 del 3 marzo 2021, dice che, per essere ammessi a sostenere l’esame di Stato di II grado a.s. 2020/21:

  • sarà necessaria la frequenza di almeno tre quarti del monte ore annuale personalizzato, ferme restando le deroghe stabilite dal collegio docenti relative ad assenze documentate e continuative e a situazioni legate all’attuale emergenza epidemiologica;
  • non è necessario lo svolgimento delle prove invalsi;
  • aver svolto il previsto monte ore di alternanza scuola lavoro non sarà necessario;
  • non è necessario avere la sufficienza in tutte le discipline.

Riguardo quest’ultimo punto, si dovrà avere una votazione non inferiore ai sei decimi in ciascuna disciplina o gruppo di discipline valutate con un unico voto e un voto di comportamento non inferiore a sei decimi. Ma, nel caso di votazione inferiore a sei decimi in una disciplina o in un gruppo di discipline, il consiglio di classe potrà decidere, presentando relativa e adeguata motivazione, l’ammissione all’esame.

Il Ministero ha ulteriormente chiarito (l’8 aprile 2021, con un’apposita FAQ) il fatto che si dovrà avere sei nel comportamento, ma lo studente potrà essere ammesso all’esame anche con una sola insufficienza, purché motivata da un provvedimento del consiglio.

Leggi: