Test Professioni Sanitarie 2019: i posti disponibili

Domani 11 Settembre 2019 si terrà in tutta Italia la prova d’ammissione per i corsi triennali dedicati alle Professioni Sanitarie. Pur facendo parte dei corsi a numero programmato a livello nazionale, così come quello di Medicina, la redazione del test d’ingresso e della successiva graduatoria è formulata in maniera autonoma dai singoli atenei. I posti disponibili sono più di 25 mila, suddivisi per le seguenti professioni sanitarie:

  • Infermieristica: 15.069 posti;
  • Ostetricia: 831 posti;
  • Infermieristica pediatrica: 191 posti;
  • Podologia: 120 posti;
  • Fisioterapia: 2.117 posti;
  • Logopedia: 771 posti;
  • Ortottica e assistenza oftalmologica: 228 posti;
  • Terapia della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva: 323 posti;
  • Tecnica della riabilitazione psichiatrica: 370 posti;
  • Terapia occupazionale: 247 posti;
  • Educazione professionale: 67 posti;
  • Tecniche audiometriche: 51 posti;
  • Tecniche di laboratorio biomedico: 780 posti;
  • Tecnica di radiologia per immagini e radioterapia: 740 posti;
  • Tecniche di neurofisiopatologia: 128 posti;
  • Tecniche ortopediche: 165 posti;
  • Tecniche audioprotesiche: 315 posti;
  • Tecniche di fisiopatologia cardiocircolatoria e perfusione cardiovascolare: 194 posti;
  • Igiene dentale: 651 posti;
  • Dietistica: 377 posti;
  • Tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro: 688 posti;
  • Assistenza sanitaria: 327 posti.

Test Professioni Sanitarie 2019: come è strutturato

La prova d’ammissione per i corsi triennali dedicati alle Professioni Sanitarie è fissata per l’11 Settembre a partire dalle 11.00. Il Ministero dell’Istruzione ha fissato la struttura generale del test, mentre spetta ai singoli atenei la redazione e l’organizzazione delle domande. La prova prevede 60 quesiti a risposta multipla divisi nei seguenti ambiti di studio:

  • 12 domande di cultura generale;
  • 10 domande di logica;
  • 18 domande di biologia;
  • 12 domande di chimica;
  • 8 domande di fisica e matematica.

Leggi anche:

Test Professioni Sanitarie 2019: come si calcolano le risposte esatte

A differenza degli altri test ad ingresso programmato, per quello inerente alle Professioni Sanitarie non è prevista una graduatoria unica nazionale. Per questo motivo il punteggio minimo non è quello di 20 punti, così come succede per Medicina e Odontoiatria, ma è stabilito dai singoli atenei. Il punteggio assegnato alle risposte viene calcolato secondo i seguenti parametri:

  • + 1,5 punti ad ogni risposta esatta;
  • -0,4 punti per ogni risposta sbagliata;
  • 0 punti per ogni risposta lasciata in bianco.

Stando alle graduatorie degli anni passati, di media i punteggi minimi per essere ammessi vanno dai 30 punti di infermieristica per arrivare ai 50 di fisioterapia e logopedia.

Leggi anche: