Test Specializzazione Medicina 2019: tutto sullo svolgimento

Il Test di Medicina per le Scuole di Specializzazione si è tenuto il 2 luglio e adesso i candidati sono alle prese con le graduatorie, uscite il 15 luglio. Sappiamo che la prova ha subito alcuni cambiamenti, come il numero delle domande, valutazione dei titoli, graduatoria, ma tutto è stato spiegato dettagliatamente nel bando ufficiale pubblicato qualche mese fa. In questo articolo vi spieghiamo nel dettaglio come funziona la prova e vi informeremo, passo passo, sulle ultime novità.

Specializzazione Medicina 2019: come si svolge il test d’ingresso

Come abbiamo già anticipato, la prova si è svolta in tutta Italia il 2 luglio. Se non ci sono state variazioni nella modalità di somministrazione dei quesiti, i candidati hanno svolto il test al PC: i computer sono privi di tastiera e non vengono connessi ad Internet. I ragazzi, una volta concluso il test, possono consultare subito il punteggio ottenuto alla prova e successivamente consultare le graduatorie, che quest’anno sono state pubblicate il 15 luglio.

Scuole Specializzazione Medicina 2019: le domande del test

I quesiti sono 140: c’è una prima parte di quesiti riguardante argomenti generali, mentre la seconda parte riguarda argomenti specifici in base alle Scuole inserite tra le preferenze. Le risposte vengono valutate nel modo seguente:

  • 1 punto per ogni risposta esatta
  • -0,25 punti per ogni risposta sbagliata
  • 0 punti per ogni risposta non data

Ricordate che concorre alla valutazione finale anche il punteggio relativo ai titoli posseduti, che vale un massimo di 7 punti e non 15 come accadeva precedentemente.

Test Specializzazione Medicina 2019: gli argomenti delle domande

Le domande riguardano principalmente ciò che avete studiato nel corso degli anni universitari. Dando un’occhiata ai quesiti degli anni passati, conviene ripassare bene argomenti di epidemiologia e farmacologia, concentrandosi su effetti collaterali, controindicazioni e indicazioni. Inoltre, occorre allenarsi con i casi clinici, in modo da avere un approccio migliore e più veloce durante la prova.

Scopri anche: