Ponte del 2 Giugno: dove andare

Quello del 2020 è un anno difficile, soprattutto per i viaggi a causa dell’emergenza Covid-19 in Italia e anche nel resto del mondo. Cosa si può fare allora per il ponte del 2 giugno? Purtroppo non si può uscire fuori dalla Regione, tranne che per comprovate esigenze lavorative comprovate, situazioni di necessità e motivi di salute che devono essere certificati con un modulo di autocertificazione per giustificare il viaggio. Non si può nemmeno – ovviamente – andare all’estero.

Ponte del 2 Giugno: dove si potrà andare senza autocertificazione

Ponte del 2 Giugno: dove si potrà andare senza autocertificazione

All’interno della propria regione è previsto circolare anche senza autocertificazione, perciò gli unici spostamenti possono essere fatti entro questi limiti. Nonostante ciò resta vietato fare assembramenti, inoltre bisogna tenere la distanza di sicurezza di uno o due metri per evitare il contagio in caso di persona (a sua insaputa) infetta.

Leggi anche:

Ponte del 2 Giugno: come compilare l’autocertificazione

Chi si deve spostare per comprovate esigenze deve scaricare il modulo, inserire i propri dati anagrafici e poi compilare la seconda parte così, dichiarando:

  • di non essere obbligato alla quarantena, ossia di non essere risultato positivo al COVID-19;
  • che lo spostamento è cominciato da (indicare l’indirizzo da cui è iniziato) con arrivo a (indicare l’indirizzo da cui si finisce)
  • di essere a conoscenza delle misure di contenimento del contagio vigenti alla data di compilazione;
  • di essere a conoscenza delle ulteriori limitazioni disposte con provvedimenti del Presidente delle Regione (indicare la Regione di partenza) e del Presidente della Regione (indicare la Regione di arrivo) e che lo spostamento rientra in uno dei casi consentiti dai provvedimenti sopraelencati.