Livio

Tito Livio: biografia

L’opera di Livio è importantissima in quanto è un documento che descrive gli eventi che hanno portato Roma al culmine della sua potenza. Tito Livio nacque a Padova nel 59 a.C.. La città d’origine, che vantava origin troiane ed era legata ai valori della Roma repubblicana, lasciò nell’animo di Livio, austero e traduzionalista, tracce profonde. A Roma non rivestì alcuna carica pubblica, ma fu amico di Augusto, per cui potè godere di grande prestigio nella casa del princeps. Iniziò il nipote di Augusto, Claudio, alle ricerche storiche ed ebbe grande rinomanza nella società dell’epoca. Morì a Padova nel 17 d.C.

Ab urbe condita e le opere perdute di Livio

Livio compose dialoghi storico-filosofici e opere di filosofia, ma queste opere sono andate perdute. Viene attribuita a Livio anche un’Epistula ad filium, in cui raccomandava al filgio di leggere Demostene e Cicerone. La sua fama è però legata ai 142 libri dell’opera Ab urbe condita, una monumentale storia di Roma iniziata tra il 27 e il 25. Ci sono pervenuti i libri 1-10 e 21-25. L’opera fu pubblicata in parti staccate, probabile motivo della perdita di gran parte di essa. L’opera racconta la storia di Roma dalle origini fino alla morte di Druso nel 9 a.C: conosciamo l’organizzazione generale dell’opera grazie alle periochae, sommari compilati tra il III e il IV secolo, alle epitomi (soprattutto di Floro) e alle raccolte di estratti.

 

Citazione Livio

Le decisioni impetuose e audaci in un primo momento riempiono di entusiasmo, ma poi sono difficili a seguirsi e disastrose nei risultati.

Citazione Livio

Fate mostra di essere pronti alla guerra e avrete la pace.

Citazione Livio

L’animo umano è fin troppo pronto a scusare le proprie colpe.

Il bottino di Veio

Camillus cum iam in rnanibus videret victoriam esse, tantumque praedae fore, quantum non omnibus in unum conlatis antea bellis fuisset, timens ne quam inde aut militum iram ex rnalignitate praedae partitae aut invidiam apud patres ex prodiga largitione caperet, litteras ad senatum misit, quid de praeda faciendum censerent. Duae sententiae senatum distinebant: senis altera P. […]

Libro 3, Par. 32

Ab externis bellis quietus annus fuit, quietior insequens P. Curiatio et Sex. Quinctilio consulibus, perpetuo silentio tribunorum, quod primo legatorum qui Athenas ierant legumque peregrinarum exspectatio praebuit, dein duo simul mala ingentia exorta, fames pestilentiaque, foeda homini, foeda pecori. Vastati agri sunt, urbs adsiduis exhausta funeribus; multae et clarae lugubres domus. Flamen Quirinalis Ser. Cornelius […]

Libro 5, Par. 47

Dum haec Veiis agebantur, interim arx Romae Capitoliumque in ingenti periculo fuit. Namque Galli, seu uestigio notato humano qua nuntius a Veiis peruenerat seu sua sponte animaduerso ad Carmentis saxo adscensu aequo, nocte sublustri cum primo inermem qui temptaret uiam praemisissent, tradentes indc arma ubi quid iniqui esset, alterni innixi subleuantesque in uicem et trahentes […]

Sagunto

Sagunto Praeceps vestra Romani et prior legatio fuit cum Hannibalem tamquam suo consilio Saguntum oppugnantem deposcebatis; ceterum haec legatio verbis adhuc lenior est re asperior. Tunc enim Hannibal et insimulabatur et deposcebatur; nunc ab nobis et confessio culpae exprimitur et ut a confessis res extemplo repetuntur. Ego autem non privato publicone consilio Saguntum oppugnatum sit […]

Esempi eroici: orazio coclite

Pons sublicius iter paene hostibus dedit, ni unus vir fuisset, Horatius Cocles; id munimentum illo die fortuna urbis Romanae habuit. Qui positus forte in statione pontis cum captum repentino impetu Ianiculum atque inde citatos decurrere hostes vidisset trepidamque turbam suorum arma ordinesque relinquere, reprehensans singulos, obsistens obtestansque deum et hominum fidem testabatur nequiquam deserto praesidio […]

Il coraggio di Clelia

cloelia virgo,una ex obsidibus cum castra etruscorum forte haud procul ripa Tiberis essent,frustrata custodes ,dux agminis virginum inter tela hostium Tiberim tranavit et obsides sospites omnes ad propinquos restituit.Quod ubi regi Porsennae notum fuit,primo,incensus ira ,oratores romama misit qui cloeliam obsidem deposcerent ,deinde in admirationem versus,promisit ,si riddidissent ,intactam inviolatamquead suos se remissurum .Utrimque consitit […]

Il console Emilio Paolo muore a Canne

Parte altera pugnae Paulus, quamquam primo statim proelio funda graviter ictus erat, tamen et occurrit saepe Hannibali cum militibus confertis et aliquot locis proelium restituit. Cn. Lentulus, tribunus militum, cum, praetervehens equo, consulem sedentem in saxo cruore oppletum vidisset: “L. Aemili – inquit – quem unum insontem culpae cladis hodiernae dei respicere debent, cape hunc […]