Il surf è uno degli sport acquatici più famosi e praticati al mondo. Ha un’origine antichissima: era infatti praticato dai polinesiani già nel lontano 1800 e rappresenta tutt’ora la disciplina ideale per chi ama il mare e stare all’aria aperta.

Surf: cos’è

Il surf in hawaiiano significa scivolare sulle onde: è infatti uno sport acquatico che consiste nel “cavalcare” le onde restando in equilibrio su una tavola da surf. Una volta in piedi, si ha la possibilità di  eseguire acrobazie e manovre per muoversi e divertirsi in acqua, grazie alla spinta della corrente marina.

Surf consigli utili

 

Surf: come iniziare

Il primo passo per iniziare a fare surf è imparare a restare in equilibrio sulla tavola. Questo procedimento è chiamato take-off e rappresenta un movimento chiave, da praticare il piú possibile durante il primo periodo di apprendimento: in palestra, a casa e in spiaggia, per acquistare man mano una maggiore sicurezza ed avere il completo controllo del nostro equilibrio. Soltanto in un secondo momento potrete immergervi in acqua ed iniziare a scivolare sulle onde, rimanendo anche a pancia in giù e cercando di seguire il flusso della corrente. Per riuscire ad alzarsi in piedi sulla tavola sono necessari vari giorni di pratica ma con il passare del tempo diventerà un’azione naturale e molto semplice da fare.

Surf: dove farlo in Italia

Per fare surf non è necessario raggiungere le coste dell’Australia o della lontana California: tra poco scoprirai tutte le migliori spiagge italiane per provare l’emozione di cavalcare l’onda perfetta anche a pochi passi da casa:

  • La Liguria è piena di spiagge ideali per iniziare a fare surf. Vicino Genova troviamo Recco, dove ogni anno si tiene il Recco SurfFestival;
  • In Toscana c’è Viareggio, il Lido di Camaiore e Forte dei Marmi che sono da sempre le mete preferite dagli appassionati: sono disponibili corsi e il noleggio sul posto in ogni momento della giornata;
  • A Nord di Roma, a Santa Marinella, c’è la Banzai Surf Area, spiaggia molto vasta con onde dolci e lunghe, perfette per i principianti;
  • In Sardegna le spiagge migliori per praticare surf sono invece a Porto Ferro e Capo Mannu: le onde e le correnti sono più forti quindi è necessario un buon livello di preparazione ed esperienza.

Surf: quale tavola scegliere

Anche la scelta della tavola è molto importante e a seconda delle dimensioni e delle onde da cavalcare troviamo il:

  • Shorthboard: tavole strette e sottili, adatte a manovre agili ma più lente rispetto a quelle tradizionali;
  • Longboard, tavole piú larghe e voluminose che permettono di muoversi con più velocità.

Se da sempre siete stati incuriositi da questo sport ma ancora non avete iniziato, questo è il momento perfetto! Cosa aspettate?

Ti potrebbe interessare anche:

Kitesurf, cos’è e come si impara