Concorso STEM: valutazione della prova orale e pratica

Il concorso STEM è arrivato alla sua seconda fase quella che interessa la prova orale. Sono davvero molto pochi i candidati che hanno superato la prova scritta, si legge su varie testate giornalistiche online che c’è stata una vera e propria ecatombe e i diretti interessati, intervistati, hanno dichiarato di aver trovato molte difficoltà nell’esecuzione della prova e che il tempo è stato davvero poco. Ora, per chi ha superato la prova scritta, resta quella orale. Scopriamo qual è il quadro di riferimento.  

Non perdere: Concorso straordinario 2020, fissata la data ufficiale

Concorso STEM: quadro di riferimento per le classi di concorso A026 e A041

La prova orale si svolgerà in seduta pubblica con una durata massima di 45 minuti. Consiste in un colloquio, su un tema predisposto dalla Commissione che accerti il possesso dei requisiti culturali e professionali correlati al posto specifico ed in una verifica della capacità di comprensione e conversazione in lingua inglese. Prevede la progettazione di una attività didattica, comprensiva dell’illustrazione delle scelte contenutistiche, didattiche e metodologiche e di esempi di utilizzo pratico delle TIC, accertamento della capacità di comprensione e conversazione in lingua inglese almeno al livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue. 

Concorso STEM: quadro di riferimento per le classi di concorso A020, A027, A028

Per queste classi di concorso, oltre alla prova orale prevista per le altri classi di concorso, è necessaria anche la prova pratica con durata di 3 ore. La Commissione ha a disposizione 100 punti per il colloquio e 100 punti per la prova pratica. Il voto della prova orale è dato dalla media aritmetica delle rispettive valutazioni. Superano la prova orale i candidati che conseguono un punteggio complessivo minimo di 70 punti su 100.

Non perderti: