Latino

Ultime risorse

I gioielli

Paragonati alla barocca magnificenza, i primi prodotti di arte orafa della Roma repubblicana appaiono assai modesti, rigidamente limitati dalle leggi suntuarie. La legge più antica, quella delle XII tavole, fissava la quantità d’oro che si poteva seppellire col defunto. Dagli etruschi i romani derivarono l’uso dell’anello digitale come segno di distinzione sociale e di ricchezza. […]

La scuola

Quando la città, di buon mattino, incomincia ad animarsi, le botteghe si aprono e gli adulti riprendono il ritmo delle loro attività, nelle strade passano gruppi di ragazzini, alcuni accompagnati dallo schiavo “pedagogo”, altri soli; si avviano di buona lena verso la scuola, dove li aspetta il maestro con l’inseparabile sferza, a conclusione della giornata, […]

La tavola nell'antica Roma

[P]Introduzione[/P] Nella Roma dei primi secoli il romano spesso si cucinava il cibo da solo. Con l’andare del tempo, nell’epoca repubblicana anche il modesto cittadino aveva a disposizione due o tre schiavi che si occupavano di preparargli il cibo quando questi possedeva una cucina adatta a cucinare. Nei casi più sfortunati gli schiavi, quando non […]

La romanizzazione e il valore della cittadinanza

Erano cittadini di diritto i figli legittimi di un cittadino o i figli naturali di una cittadina. Potevano diventarlo, invece, gli schiavi affrancati o intere popolazioni assoggettate quando Roma lo avesse deciso. Dopo la guerra sociale il senato fu costretto a concedere la cittadinanza a tutta l’Italia. Progressivamente, in età imperiale, la cittadinanza fu estesa […]

Annalistica e Storiografia

Dopo Catone l’annalistica in greco scomparve. A questa trasformazione molto contribuì certamente la dura polemica del Censore, ma il vero motivo fu un altro. Ormai Roma non era più una delle tante potenze presenti nel bacino del Mediterraneo (un mondo in cui era diffusa una cultura internazionale d’impronta ellenistica), ma era ormai l’unica grande potenza. […]

I tribuni

L’elezione dei tribuni è una conseguenza storica della lotta tra patrizi e plebei, accentuatasi dopo la caduta della monarchia, la quale, nei propri contrasti col patriziato, aveva in linea di massima favorito la plebe. In origine i tribuni non erano magistrati, ma capi di villaggi agricoli o tribù in cui era diviso il popolo romani. […]

I decemviri

I decemviri ebbero l’incarico di scrivere un corpo di leggi rispondenti alle nuove esigenze di una società notevolmente mutata e che garantissero un’imparziale applicazione del diritto sia per i patrizi che per i plebei. La tradizione riferisce il nome del tribuno della plebe C. Terentillo Arsa, come quello che per primo avanzò la proposta di […]

I questori

In origine i questori furono quattro, in quanto ogni console ne aveva uno a sua disposizione due: uno per il governo in Roma, l’altro per il comando in tempo di pace. I due quaestores urbani, che risiedevano tutto l’anno in città, avevano anche le funzioni di giudici in materia penale donde l’origine del nome di […]

L'artigianato romano

Tra le imprese che più fiorivano a Roma c’erano naturalmente quelle edili, legate soprattutto alla continua crescente espansione della città; sempre maggiore impulso alla costruzione di pubblici edifici, di palazzi, di terme, di templi, di basiliche, di giardini portò alla rapida formazioni di vere e proprie grandi imprese edilizie che davano lavoro a migliaia di […]

La medicina a Roma

Vi furono dei medici a Roma, la maggior parte greci, ma anche romani; ma non vi fu una scienza medica romana. La medicina e la chirurgia greca erano in uno stadio assai avanzato. All’epoca alessandrina esse raggiungevano presso a poco il livello al quale fra noi verso la metà del diciannovesimo secolo, quando rimanevano ancora […]