Latino

Ultime risorse

L'ascesa di Pompeo

La situazione infatti si aggravò con la lotta del Senato contro Emilio Lepido, che aveva tentato di abbattere la costituzione sillana; contro di lui il Senato si giovò di Pompeo, giovane generale di Silla, al quale fu affidata anche la guerra di Spagna contro Sertorio, chiusa nell’anno 72 a. C. In quell’anno il Senato affidò […]

Il secondo triumvirato e il successo di Ottaviano

L’uccisione di Cesare non ebbe per risultato la restaurazione automatica delle antiche libertà repubblicane, né provocò quella insurrezione popolare che gli anticesariani avevano sperato, e il gruppo di congiurati si trovò isolato. Suprema autorità dello Stato, in quel momento, era il console Marco Antonio, amico di Cesare; con lui stava Marco Emilio Lepido, comandante della […]

Vespasiano e Tito

[P]Vespasiano (70-79) e Tito (79-81)[/P] Svetonio (Vite dei Cesari): Vespasiano Ebbe una corporatura tarchiata, con le membra robuste e solide, e il volto quasi contratto da uno sforzo. Godette di ottima salute, per quanto, per conservarla, si accontentasse come sola cura di massaggiarsi regolarmente la gola e il resto del corpo, nello sferisterio, e di […]

Filologia e linguistica

ll mestiere del filologo tende ad essere un po’ sottovalutato nella percezione comune, come se fosse per sua natura inferiore rispetto a quello creativo del poeta o dello scrittore: un mestiere parassitario, insomma. Ancor più sottovalutato è poi il mestiere del flilologo nell’antichità: proverbiale figura di pedante, intriso di dinozionismo scolastico, assolutamente privo di originalità, […]

Roma e il Mediterraneo

Roma aveva così spezzato a proprio vantaggio l’equilibrio di forze fino allora esistente nel Mediterraneo occidentale e nella sua capacità di ascesa poteva rivolgersi all’Oriente, agevolata in questa sua espansione dalla rottura dell’equilibrio fra le tre grandi potenze del Mediterraneo orientale, Macedonia, Egitto e Siria. Sorse così il problema dei rapporti tra Roma e questi […]

Terza guerra punica

Dopo la guerra annibalica i rapporti fra Cartagine e Roma furono corretti; i Cartaginesi non vennero mai meno agli impegni verso Roma, dandole anche aiuto con la flotta nelle guerre d’Oriente. Ma il re di Numidia, Massinissa, prese ad abusare della clausola del trattato romano-cartaginese che gli consentiva di rivendicare tutti i territori di Cartagine […]

I re di Roma

La monarchia a Roma è antica quanto la città; ma la tradizione ricorda fra i re forse soltanto quelli che avevano avuto fama maggiore e ne fissò il numero a sette, dei quali ci ha tramandato i nomi e dei quali venne fissata la cronologia: Romolo (753-716 a. C.), Nuima Pompilio (715-672), Tullo Ostilio (672-640), […]

Le prime guerre esterne, il Foedus Cassianum

Tarquinio il Superbo abbandonato dagli Etruschi, secondo l’annalistica, si sarebbe rifugiato a Tuscolo presso un parente, Ottavio Mamilio, e sarebbe riuscito a suscitare contro Roma i Latini che male avevano sopportato l’egemonia romana. Otto città, ossia Tuscolo, Ariccia, Lanuvio, Laurento, Cora, Tivoli, Pomezia e Ardea, formarono insieme, contro Roma, una lega di carattere religioso, ma […]

I Galli a Roma e la riscossa romana

I Galli Senoni e Boi avevano varcato l’Appennino intorno all’anno 390 a. C. e posto l’assedio all’etrusca Chiusi e pare che avessero solo di mira di far preda, sperando in un ricco bottino. Essi spinsero le loro scorrerie anche contro Roma e presso il fiumicello Allia si scontrarono con l’esercito romano che fu distrutto; parte […]

Le guerre sannitiche

L’assetto dato al Lazio non era certamente definitivo, ma Roma potè riprendere la sua espansione verso mezzodì, includendo Formia e Fondi, forse città volsce, nella lega latina, e costringendo gli Aurunci a entrare nell’amicizia romana. A questo modo i Romani e i Latini si aprivano la via alla Campania, ma anche a un nuovo contrasto […]

Taranto e Pirro

Fino al tempo delle guerre sannitiche i Romani non si erano occupati politicamente delle colonie greche d’Italia, le quali avevano avuto rapporti ostili solo con gli indigeni Apuli, Lucani, Sanniti, ecc. In loro difesa contro gli Italici, i Greci avevano più volte chiesto aiuti agli Stati della madrepatria, ma nulla di durevole avevano potuto concludere. […]

Estensione di Roma prima delle guerre puniche

Così il dominio romano abbracciava ormai tutta l’Italia peninsulare, estendendosi dal mare Jonio fino a una linea approssimativa tra Pisa e Rimini. Nell’anno 264 a. C. lo Stato romano aveva raggiunto un’area di circa 25.000 kmq e il territorio degli alleati si era esteso ad altri 100.000 circa, dei quali 12.000 appartenevano alle città e […]

L'abbigliamento maschile

Su di una specie di camicia di lino piuttosto corta e a diretto contatto con la pelle, il romano infila la “tunica”, ossia una veste di lana formata da due pezzi di stoffa cuciti insieme e tenuta stretta intorno al corpo da una cintura piuttosto bassa sui fianchi; la tunica cade in modo ineguale: fin […]

Vesti e ornamenti femminili

Mentre nel mondo moderno l’abbigliamento della donna si distingue nettamente da quello dell’uomo, in Roma la differenza non consisteva tanto nella foggia del vestire quanto piuttosto nei tessuti impiegati e nella varietà dei colori. Anche le donne usano la tunica, più lunga di quella maschile; su di essa indossano la “stola” che è la veste […]

Annalistica e Storiografia

Dopo Catone l’annalistica in greco scomparve. A questa trasformazione molto contribuì certamente la dura polemica del Censore, ma il vero motivo fu un altro. Ormai Roma non era più una delle tante potenze presenti nel bacino del Mediterraneo (un mondo in cui era diffusa una cultura internazionale d’impronta ellenistica), ma era ormai l’unica grande potenza. […]

Strumenti musicali

Erano tantissimi gli strumenti musicali usati dai Romani. [P]Cornu[/P] Era uno strumento a fiato di bronzo usato prevalentemente nell’esercito e in particolare dalla fanteria, ma anche durante le cerimonie religiose, i funerali o i giochi dell’anfiteatro. In origine, era ricavato da un corno animale, si presentava come una tromba fortemente ricurva, munita al centro di […]

Fidanzamento e matrimonio

In Roma ci si sposava molto presto: l’età minima era di dodici anni per le ragazze e quattordici per i maschi. Di solito era il padre che sceglieva lo sposo per la figlia: più che ragioni di cuore avevano importanza molteplici considerazioni di ordine politico, morale religioso, il matrimonio era preceduto dal fidanzamento (sponsalia).Il fidanzamento […]

Sport e spettacoli pubblici

Nell’antica Grecia lo sport aveva una funzione educativa e religiosa; i giochi olimpici erano il maggior momento di unità del mondo greco. A Roma, pur occupando largo spazio nella vita sociale, lo sport fu sempre praticato e vissuto come puro divertimento. Sul finire della repubblica e soprattutto durante l’impero, esso divenne un importante mezzo per […]

Le terme

Le terme con le loro palestre, sale da ginnastica, vasti giardini, davano a tutti la possibilità di praticare svariati esercizi fisici, ma il luogo preferito era il Campo di Marte, bellissima spianata tra il Foro ed il Tevere, lontani dal chiasso e dalla confusione delle vie cittadine si poteva respirare aria pura, godere il sole […]

I gioielli

Paragonati alla barocca magnificenza, i primi prodotti di arte orafa della Roma repubblicana appaiono assai modesti, rigidamente limitati dalle leggi suntuarie. La legge più antica, quella delle XII tavole, fissava la quantità d’oro che si poteva seppellire col defunto. Dagli etruschi i romani derivarono l’uso dell’anello digitale come segno di distinzione sociale e di ricchezza. […]