Latino

Ultime risorse

La poesia elegiaca

La poesia elegiaca è molto vicina, per il contenuto, a quella lirica: si tratta infatti di poesia soggettiva in cui il poeta analizza se stesso, descrive i suoi sentimenti (in primo luogo l’amore) e i suoi sogni, riprendendo in definitiva i modelli già proposti da Catullo. Si differenzia dalla lirica vera e propria sia per […]

Fine dell'impero, le invasioni

I Romani incontrarono per la prima volta i Germani quando i Teutoni e i Cimbri avanzarono nella Gallia e nella pianura del Po e furono disfatti da Mario (102 e 101 a. C.). Cesare, nella guerra gallica, ricacciò i Suebi oltre il Reno; Augusto tentò la conquista del territorio fra il Reno e l’Elba, ma […]

La poesia lirica

Si definisce «lirica» la poesia che esprime il mondo interiore dell’autore (sentimenti, ricordi ecc.). Deriva il suo nome dalla lira, lo strumento a corde che in Grecia accompagnava il canto del poeta. Si tratta, come si è detto, di poesia soggettiva, che nient’altro si propone se non di rappresentare i sentimenti e le sensazioni del […]

Fedro

Notizie su Fedro Gaio Giulio Fedro (20/15 a.C. circa – 51 d.C. ca.) è stato uno scrittore latino, autore di celebri favole. È per molti versi un autore marginale nel panorama delle correnti letterarie della prima età imperiale. Tuttavia, Fedro rappresenta il primo autore nella cultura greco-romana che abbia raccolto testi favolistici concepiti come opere […]

Schema sul genere epico

– FILONI Nella letteratura latina si distinguono due sottogeneri: il poema epico-storico e il poema mitologico. – IPOTESTI I riferimenti immediati e ovvi sono alla letteratura greca, in particolare per l’epica storica, all’Iliade e all’Odissea di Omero, oltre che ai poemi postomerici, risalenti al VII secolo, ai Poemi ciclici e ai Nostoi. In età ellenistica […]

Cicerone: stile e lingua

Infine, alcune notazioni sulla lingua e sullo stile: come abbiamo visto, <> [E. Narducci] Anche nella prosa retorica e filosofica, l’Arpinate sfruttò ampiamente lo stile che aveva elaborato per l’eloquenza: particolarmente nella filosofia, poi, egli dovette cimentarsi anche con la povertà espressiva e costitutiva del latino, inadatto ad una resa adeguata dei corrispettivi termini e […]

La Satira

Satira, dal latino satura, dal tardo latino in poi chiamata definitivamente satira, indica una composizione poetica che rivela e colpisce con lo scherno o col ridicolo concezioni, passioni, modi di vita o atteggiamenti comuni a tutta l’umanità, oppure caratteristici di una persona o di una certa categoria di persone, che contrastano o discordano dalla morale […]

Teodosio

La definitiva divisione dell’Impero. Egli non lasciava eredi, per cui nel 364 succedette la dinastia Valentiniana, i cui sovrani furono impegnati in lotte continue contro usurpatori all’interno e contro gli invasori barbari. Dei due fratelli, Valentiniano morì nel 375; Valente morì affrontando in disperata battaglia i Visigoti (378). Teodosio I (378-395), generale di origine spagnola, […]

Traiano

(98-117) Questi era legato nella Germania Superiore, quando fu adottato, ma non accorse subito a Roma e attese prima a sistemare le difese alle frontiere. Si recò poi nell’Urbe senza alcun sfarzo. Soldato nell’anima, organizzò l’impresa contro i Daci (101-107) che avevano umiliato l’Impero con Domiziano; tra gli anni 114 e 117 iniziò la lotta […]

Le lotte sociali: i Gracchi e Gaio Mario

Il Senato romano era, fin dalla prima guerra punica l’unica magistratura che poteva governare l’Italia in un periodo in cui i consoli si trovavano spesso per ragioni di guerra fuori di Roma: esso era costituito difficilmente da homines novi, prevalentemente anzi da patrizi e plebei che avevano rivestito le magistrature dello Stato, sperimentati nelle questioni […]