Compiti delle vacanze obsoleti entro il 2030: perché?

Secondo un recente articolo apparso su MindShift entro il 2030 i compiti tradizionali diventeranno obsoleti. Ma perché? Grazie all’uso costante del computer, della banda larga e di Internet, l’apprendimento avviene praticamente ogni giorno, in ogni attimo della giornata. Per questo motivo la vacanza non deve essere utilizzata per stare tutto il tempo sui libri, ma per dare vita ad un progetto extracurriculare in grado di accrescere la sete di conoscenza.

Compiti delle vacanze obsoleti entro il 2030: la lettera di un preside di Roma

Hai bisogno di risorse per studiare? Non perderti le nostre guide:

Compiti delle vacanze obsoleti: la lettera di un preside di Roma

Proprio per questo motivo fa riflettere la lettera di un dirigente scolastico dell’I. C. “Donatello” di Roma. La docente Elena Biondi ha lasciato queste parole ai suoi studenti, come riporta Orizzonte Scuola:

Vi scrivo per ringraziarvi e … per assegnarvi dei compiti per le vacanze:

  • Trascorrete il tempo dell’estate riposandovi e divertendovi.
  • Coltivate le vecchie amicizie e apritevi alle nuove.
  • Offrite un po’ di tempo alle persone anziane e imparate dai loro racconti.
  • Imparate cose nuove dai luoghi che visiterete: cercate sempre la bellezza.
  • Ascoltate musica, guardate film, leggete libri e fumetti: provate il piacere dell’immaginazione e condividete quanto vi è piaciuto con i vostri amici.
  • Curate ogni ambiente in cui vi troverete a vivere e a visitare: cominciate dalla vostra camera…per arrivare ad un tratto di spiaggia, di prato, di bosco.
  • Dimenticate spesso il cellulare da qualche parte.
  • Trascorrete il tempo all’aria aperta, apprezzando il sole e vento.
  • Scattate una foto ad una persona o ad un luogo che hanno saputo rendere la vostra vacanza indimenticabile e speciale.

Al vostro ritorno a scuola, gli insegnanti capiranno subito se i compiti sono stati svolti

Compiti delle vacanze obsoleti: cosa succede nel resto d’Italia

Proprio qualche giorno fa ha fatto riflettere il messaggio sulla lavagna interattiva di una professoressa di materie letterarie di una scuola secondaria di Roma. Inutile dare i compiti delle vacanze, se poi gli stessi alunni aspettano qualche giorno prima dell’inizio della scuola per farli, oppure li copiano da qualche compagno di classe più volenteroso: “Cari studenti, esonero tutti coloro che questa estate non avranno tempo e energie da dedicare al recupero o al ripasso dall’inviarmi materiali non autentici (leggi: copiati)“.

Leggi anche: Compiti delle vacanze: “esonerati gli studenti che copiano”, il simpatico avviso della prof