Nikola Tesla: quello che dovete sapere

Torniamo a parlare di scienza e di invenzioni scientifiche dando uno sguardo ad uno dei geni più dotati in assoluto, Nikola Tesla. Inventore, fisico e ingegnere elettrico, nato da famiglia serba, con cittadinanza austro-ungarica e naturalizzato statunitense. Si è fatto conoscere per il suo lavoro in campo tecnico-scientifico e in particolare per i contributi nel campo dell’elettromagnetismo tra la fine Ottocento e inizi Novecento. I suoi brevetti e il suo lavoro teorico costituiscono la base del sistema elettrico a corrente alternata, la distribuzione elettrica polifase e i motori elettrici a corrente alternata, con i quali ha contribuito alla nascita della seconda rivoluzione industriale.

Nikola Tesla: le sue più importanti invenzioni

Tesla è stato sempre associato al concetto di energia libera; sosteneva che quest’ energia fosse illimitata e che potesse essere estratta dall’ambiente a costo zero, e che avesse la capacità di essere trasmessa ovunque e ricevuta con l’utilizzo di una semplice antenna. Tesla aveva tutte le intenzioni di usare la Torre Wardenclyffe per trasmettere grandi potenze elettriche sfruttando la risonanza naturale della Terra. Un’altra invenzione è il modello di turbina senza pale, proposto da Tesla il quale pensava di utilizzare il vapore per trascinare dei dischi facendoli ruotare, e fu brevettato negli USA nel 1909. C’erano tutti i presupposti affinché arrivasse a oltre 10.000 giri al minuto, ma la tecnologia meccanica di quegli anni non era ancora pronta per supportarlo. Nonostante Tesla abbia brevettato la sua turbina, non trovò finanziatori. Nel Sistema Internazionale l’unità di misura dell’induzione magnetica è chiamata tesla (T). Per essere precisi, un campo magnetico ha intensità di 1 T quando esercita una forza di 1 N su un filo lungo 1 m disposto perpendicolarmente alla direzione del campo e percorso dalla corrente elettrica di 1 A.

Leggi anche: Induzione elettromagnetica: spiegazione e applicazione

Nikola Tesla: biografia

Tesla nacque il 10 luglio 1856 a Smiljan vicino Gospić, i genitori erano entrambi serbi: il padre era un ministro del culto ortodosso,la madre, figlia di un prete serbo ortodosso, aveva talento nell’inventare oggetti d’uso casalingo. Nikola ebbe un fratello, che morì molto presto cadendo da cavallo, e tre sorelle. Andò a scuola a Karlovac, studiò ingegneria elettrica all’Università tecnica di Graz in Austria, non raggiunse il conseguimento della laurea in quanto frequentò solo fino al primo semestre del terzo anno.  Nei primi anni di vita si ammalò: gli apparivano lampi luminosi accecanti, che spesso erano accompagnati da allucinazioni e molte di queste visioni erano in connessione con parole o idee. Tali sintomi, oggi, sarebbero la manifestazione di una forma di sinestesia. Nikola Tesla era alto 188 cm e di corporatura molto magra.

Non perderti: Leonardo da Vinci: 10 invenzioni scientifiche