Facoltà a numero chiuso: quali sono

Abbiamo da poco finito di parlare degli esami di maturità ed eccoci nuovamente a parlare di studio! Chi ha deciso di continuare con gli studi deve sapere che vi sono alcune facoltà per cui è previsto il numero chiuso e quindi l’impegno per potervi entrare raddoppia. Volete sapere quali sono le facoltà in cui è ancora in vigore il numero chiuso? Prima, però, pensiamo sia doveroso spendere due parole sul significato di numero chiuso di modo che siate preparati su tutto e pronti a qualsiasi evenienza.

Leggi anche: Numero chiuso: cosa significa e perché è stato istituito

Facoltà a numero chiuso: cosa si intende

I corsi a numero chiuso sono quelli che prevedono l’accesso ad una determinata facoltà solo per un numero prestabilito di studenti. Per alcune facoltà tale numero è deciso a livello nazionale, come ad esempio avviene per la facoltà di Medicina. Per altre, invece, sono i singoli atenei a quantificarlo. Un cenno a parte meritano le Professioni Sanitarie e Scienze della Formazione Primaria. Queste sono gestite solo in parte dal Miur. Sono le università, infatti, che regolano le modalità di ingresso e la relativa graduatoria (che ha valenza locale). Al Miur, invece, spetta stabilire la data dei test e i numeri disponibili.

Numero chiuso: le facoltà dove è ancora in vigore

corsi universitari a numero chiuso a livello nazionale sono:

Per tutti questi corsi  tenuti in università statali, superare il test di accesso è obbligatorio per poter poi procedere con l’iscrizione. Date e prove d’esame sono stabiliti da un  Decreto ministeriale annuale. L’accesso a questi stessi corsi nelle università private è invece gestito dai singoli atenei.

Leggi anche: