Il Corso Triennale in Scienze e tecnologie informatiche fa parte della Classe di Laurea L-31. Vuoi saperne di più? Leggi la nostra guida!

La classe di laurea L-31 fa riferimento ad un corso di studi della durata di tre anni che porta all’ottenimento di una Laurea Triennale in Scienze e tecnologie informatiche. Gli studenti che intendono iscriversi a questo corso devono dimostrare di avere abilità in diverse aree delle scienze e tecnologie dell’informazione e della comunicazione mirate al loro uso nella progettazione, sviluppo e gestione di sistemi informatici. Inoltre devono avere facilità nell’analizzare problemi e sviluppare sistemi informatici per la loro soluzione.

Gli iscritti al corso di Scienze e tecnologie informatiche devono anche essere capaci di applicare metodologie d’indagine in situazioni concrete con la giusta conoscenza degli strumenti matematici di supporto alle competenze informatiche. Dopo aver analizzato brevemente com’è strutturato il corso, cerchiamo di capire quali alternative ci sono a disposizione nelle università italiane per ottenere questa laurea.

L-31 nelle Università Italiane

Il corso di laurea afferente alla classe L-31 Scienze e tecnologie informatiche è disponibile sia nelle università statali, sia nelle università telematiche, ma per il momento approfondiamo quali atenei frontali erogano questo corso.

Tra le materie di base che troviamo in questo corso di studi abbiamo Fisica sperimentale, Fisica teorica, modelli e metodi matematici, Fisica della materia, Informatica, Sistemi di elaborazione delle informazioni, senza  dimenticare Informatica e Sistemi di elaborazione delle informazioni. Sono diversi gli atenei statali che erogano corsi di Scienze e tecnologie informatiche. Tra questi citiamo:

  • Università degli Studi di Milano
  • Università degli Studi di Roma “La Sapienza”
  • Università degli Studi di Napoli “Federico II”
  • Università degli Studi di Bologna
  • Università degli Studi “Ca’ Foscari” di Venezia

L’Università degli Studi di Milano è quella che ha a disposizione più curricula differenti: dal corso in Comunicazione digitale a quello di Informatica musicale fino al corso di Sicurezza dei sistemi e delle reti informatiche. Questo corso di studi è disponibile anche nelle università telematiche e adesso scopriamo insieme tutti i vantaggi.

Scienze e tecnologie informatiche nelle Università Telematiche

Studiare per ottenere un titolo di studio afferente alla classe L-31 Scienze e tecnologie informatiche online ha numerosi vantaggi, nonostante sia solo una l’università telematica ad offrire questo corso, ovvero l’Università Telematica Unitelma Sapienza

Non ci stupiamo che sia proprio Unitelma Sapienza ad erogare questo corso, visto che anche la “cugina” Università Statale La Sapienza lo mette a disposizione. Anche se negli atenei frontali l’offerta formativa è maggiore, Unitelma Sapienza ha numerosi vantaggi in quanto si tratta di un ateneo online.

I corsi di laurea online infatti permettono agli iscritti di avere maggiore elasticità per quanto riguarda la visione delle lezioni: tutto avviene online e le video lezioni sono disponibili sia in modalità sincrona, sia asincrona, perciò h24, 7 giorni su 7. Inoltre le iscrizioni si possono effettuare in qualsiasi periodo dell’anno e gli esami si possono fare anche una volta al mese, visto che le sessioni sono molte di più rispetto alle tre canoniche delle università statali.

Scienze e tecnologie informatiche: quali sono gli sbocchi lavorativi?

Chi sceglie di seguire un corso di studi L-31 Scienze e tecnologie informatiche ha diversi sbocchi lavorativi quali:

  • Consulente MIS (Management Information System)
  • Consulente analista di imprese Internet
  • Consulente di sistemi organizzativi e informativi
  • Esperto di DSS (Decision Support Systems)
  • Progettista e consulente di applicazioni multimediali per l’industria dei prodotti culturali
  • Progettista di sistemi di supporto a imprese della Net Economy
  • Progettista di infrastrutture informative per intermediazione finanziaria su Internet
  • Responsabile informatico per la gestione di attività di i-CRM
  • Web Designer

Inoltre i futuri laureati possono operare nel settore della progettazione, realizzazione, sviluppo, gestione, amministrazione e manutenzione di sistemi informatici. Senza dimenticare che in applicazione del D.P.R. 5/6/2001 n. 328 con questa laurea c’è anche modo di conseguire l’abilitazione all’esercizio della professione di perito industriale (sezione informatica), inoltre permette l’accesso alle classi di laurea magistrale in Ingegneria biomedica, dell’automazione, delle telecomunicazioni, elettronica, gestionale ed informatica

L-31: cosa si può insegnare?

Con la Laurea triennale in Scienze e tecnologie informatiche cosa si può insegnare? In realtà con la classe di laurea L-31 si può insegnare solo previo ottenimento di una laurea magistrale o specialistica: per entrare a far parte dei concorsi infatti sono necessari 300 CFU (Crediti Formativi Universitari), ossia 180 CFU del triennio e 120 CFU del biennio.

Le lauree magistrali più affini sono quelle in Informatica (LM-18), in Ingegneria Informatica (LM-32) o in Ingegneria Gestionale (LM-31),  con queste ultime due presenti anche nell’offerta formativa delle università telematiche. Una volta ottenuta la laurea magistrale si può accedere alle varie classi di concorso per insegnare Fisica o Matematica (in qualsiasi liceo o istituto professionale) oppure:

  • Scienze e tecnologie aeronautiche
  • Scienze e tecnologie delle costruzioni, tecnologie e tecniche di rappresentazione grafica
  • Scienze e tecnologie elettriche ed elettroniche
  • Scienze e tecnologie informatiche
  • Scienze e tecnologie nautiche, Scienze matematiche applicate
  • Tecnologia nella scuola secondaria di I grado

Avete altre domande su questo corso? Non esitate a compilare il form qui sotto: gli esperti di AteneiOnline vi risponderanno il prima possibile!