Cashback: il portale dei reclami

Entro la fine del mese di febbraio è previsto il rimborso riferito al periodo sperimentale del cashback, quindi 3,2 milioni di utenti che hanno registrato almeno 10 transazioni valide nel periodo natalizio dovrebbero ricevere i primi pagamenti. La Consap, la Concessionaria dei servizi assicurativi pubblici incaricata di gestire per conto del Mef i rimborsi del cashback e i relativi reclami, ha predisposto un sito dedicato proprio alle incongruenze tra quanto maturato col cashback e quanto ricevuto. Ora che vi abbiamo mostrato questo portale, vediamo come funziona. 

Leggi anche: Lotteria degli scontrini cashback: quando inizia 

Cashback portale dei reclami: come funziona

Per utilizzare il portale dei reclami è necessario effettuare una registrazione.  Dopo aver inserito la propria mail, si riceve una comunicazione con una password temporanea da cambiare al primo accesso. A registrazione avvenuta, il cittadino potrà inserire un reclamo, ricordandosi di allegare alla domanda eventuale documentazione a sostegno della richiesta di rettifica del rimborso ricevuto, per esempio scontrini POS, utili a consentire le verifiche del caso.
Una volta inserito il reclamo, Consap risponderà entro 30 giorni. 

Cashback: i termini per presentare i reclami

I reclami potranno essere presentati alla scadenza delle procedure per l’erogazione del rimborso. Questi i termini:

  • per il periodo 08/12/2020–31/12/2020 (periodo sperimentale) l’istanza di reclamo potrà essere presentata entro il 29/06/2021;
  • per il periodo 01/01/2021–30/06/2021 l’istanza di reclamo potrà essere presentata entro il 29/12/2021;
  • per il periodo 01/07/2021–31/12/2021 l’istanza potrà essere presentata entro il 01/07/2022;
  • per il periodo 01/01/2022-30/06/2022 l’istanza di reclamo potrà essere presentata entro il 29/12/2022.

Non perderti: –