Iron Fist cancellato da Netflix: perché?

Lo scarso successo della seconda stagione ha fatto sì che Netflix decidesse di cancellare Iron Fist, serie tv statunitense sviluppata da Scott Buck e basata sull’omonimo personaggio dei fumetti Marvel Comics. “Tutti in Marvel Television e Netflix sono fieri della serie e grati per il lavoro svolto dal nostro incredibile cast, dallo staff e dagli showrunner. Siamo grati per i fan che hanno visto queste due stagioni, e per la partnership che abbiamo condiviso per realizzare questa serie. Nonostante lo show di Netflix sia arrivato alla conclusione, l’Iron Fist immortale continuerà a vivere”, si legge nel comunicato stampa ufficiale diffuso da Marvel e da Netflix.

Iron Fist cancellato da Netflix: le motivazioni

Iron Fist cancellato da Netflix dopo la seconda stagione

Eppure tutti sono certi del fatto che la seconda stagione di Iron Fist sia stata migliore della prima. Il netto miglioramento però non è bastato a salvare la serie dalla cancellazione. Abbiamo visto ancora una volta Finn Jones nei panni del protagonista Danny Rand, un esperto di arti marziali con l’abilità di evocare il potere del Pugno d’acciaio. Dopo essere sparito per 15 anni, l’uomo fa ritorno a New York City, determinato a riprendere il controllo dell’azienda di famiglia e pronto a combattere la criminalità della città grazie alla sua maestria nel kung-fu e all’abilità di evocare l’incredibile potere del Pugno d’acciaio.

Leggi anche:

Iron Fist cancellato da Netflix: i commenti

“Un enorme ringraziamento a tutti coloro che hanno reso possibile Iron Fist 2. È stato uno dei più grandi piaceri della mia vita lavorare a questo show e far parte di questo capitolo. Sono così orgoglioso di ciò che abbiamo raggiunto”, ha fatto sapere lo showrunner M. Raven Metzner. In ogni caso il personaggio dovrebbe avere comunque un ruolo in altre produzioni Marvel.